Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il piropo: un'indagine sul campo

La mia tesi ha come oggetto il "Piropo", un tipico complimento proprio della cultura ispanofona. Questo atto linguistico è stato sperimentato durante l'Erasmus a Malaga della durata di sei mesi. Il soggiorno in Spagna è stata anche un'opportunità per raccogliere sul posto dati e interviste da fonti lingua originale. Il piropo viene, infine, comparato con il modo di complimentarsi nella lingua e cultura araba (mia lingua di studio durante la carriera universitaria con lo spagnolo). La tesi è il frutto e il riassunto dell'amore e la passione che nutro per la lingua e cultura spagnola e l'importanza dell'interculturalità, da qui i punti di contatto con la cultura araba.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'oggetto di questa tesi è il piropo. L'interesse per l'argomento nasce dalla passione per la lingua spagnola, oggetto di studio per molti anni, nonché prima lingua della mia carriera universitaria affiancata allo studio della lingua e cultura araba. La curiosità per il piropo è stata incentivata dall'esperienza Erasmus, della durata di sei mesi, a Malaga, in Andalusia, dove ho avuto modo di sperimentare questo tipo di complimento ricevendone alcuni. Una sera d'estate, camminavo per strada con in mano una biznaga (una composizione tipica di Malaga realizzata con gelsomino inserito in una struttura che da la forma al fiore) e un signore mi chiese: - «¿Huele bien?» - «Sí» - «¡Yo creo que tu huelas mejor!» Questo piropo è stato breve e improvvisato, spontaneo ma arguto perché ci si focalizzava sulla bellezza e il profumo del fiore per lusingarmi. La mia reazione fu quella di sorridere a un piropo così gentile e poetico. Una volta ero al mare e, uscendo dall'acqua, un ragazzo in età adolescenziale disse rivolgendosi ad un suo amico: - «Mira, ¡hay una cosa maravillosa en el agua!» Questo piropo aveva lo scopo di attirare la mia attenzione; il parlante diceva di aver visto una cosa bellissima nell'acqua del mare indicandola al mio passaggio ma la mia reazione fu quella di ignorarlo, vista forse la giovane età del ragazzo e il modo “volgare” con cui trasmise il suo complimento. Notiamo che entrambi i piropos non sono stati rivolti direttamente alla persona ma elogiano la bellezza di un oggetto vicino al destinatario per cercare di “colpire” la donna, catturando la sua attenzione. Ebbi modo di ricevere altri piropos da uomini al volante, ma non furono altro che volgari e poco originali, comuni anche nel nostro parlato. Quindi, la mia reazione fu quella di non curarmene, infastidita. 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue straniere per la comunicazione internazionale

Autore: Giulia Verrecchia Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 142 click dal 26/10/2016.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.