Skip to content

Ma tu che sol per cancellare scrivi. L'arte e la cancellatura

Informazioni tesi

  Autore: Federica Gambacorta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Arti Visive
  Corso: Semiotica del Visibile
  Relatore: Lucia Corrain
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

'Ma tu che sol per cancellare scrivi' è un lavoro che analizza l'evoluzione della cancellatura nelle arti visive, dall'antichità fino ai giorni nostri.
Ne traccerà in seguito le diverse tipologie di cancellature, ossia quelle parziali, più comuni in ambito artistico, e quelle totali, oltre che analizzare i vari campi di applicazione del termine ''cancellatura''. Si partirà dunque dall'analisi filologica del termine 'cancellare', e dall'approfondimento della stessa in ambito strettamente pratico. Dopo una considerazione sulla damnatio memoriae e su come essa riguardò le figure di Federico II di Svevia e di Martino Faliero nell'arte, si prenderà poi in esame l'atto di cancellazione ossessivo-compulsivo compiuto da soggetti instabili ai danni di famose opere d'arte, e quali effetti essi abbiano avuto sulla percezione dell'opera stessa (in particolar modo, della Pietà di Michelangelo). Nel secondo capitolo si prenderanno in considerazione le cancellazioni effettuate dal tempo: si attuerà una focalizzazione sul restauro e sull'importanza di non rimuovere le cancellature che il tempo ha prodotto, così come le ridipinture artisticamente rilevanti, poiché esse forniscono un valore aggiunto alle opere antiche. Nello stesso capitolo, si tratterà della ''cancellatura iconoclasta'', in particolare del dettato dell'imposizione di Martin Lutero di neutralizzare l'immagine sacra. Si accennerà poi alla cancellatura più controversa del nostro secolo, ossia la censura, in particolar modo delle opere pittoriche ''sconvenienti'', come il caso di un Banksy recentemente censurato a Londra. Infine, il terzo capitolo esporrà il tema delle cancellature nell'arte contemporanea, partendo dal curioso caso dell'Erased de kooning di Robert Raushemberg; passando per le cancellature ''strappate'' di Mimmo Rotella; mettendo in risalto i testi cancellati di Emilio Isgrò, la scultura e la pittura di Nicola Samorì, e, per concludere, la ''guerra all'ultima cancellatura'' tra gli street-artists Banksy e Robbo. Il tutto per affermare come la cancellatura nell'arte contemporanea possa essere una sorta di affermazione dello spazio pittorico (o scultoreo) nella sua negazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 "Ma tu che sol per cancellare scrivi" L'arte e la cancellatura Il titolo di questa tesi, Ma tu che sol per cancellare scrivi, si riferisce ad una terzina del XVIII canto del Paradiso di Dante (versi 130- 132): Ma tu che sol per cancellare scrivi, pensa che Piero e Paulo, che morirono per la vigna che guasti, ancor sor vivi 1 . Dante, con la guida di Beatrice, è arrivato nel cielo di Giove e apostrofa aspramente il papa a lui contemporaneo, Giovanni XXII: lo “scrivere per cancellare” si riferisce al suo lanciare scomuniche con facilità per poi ritirarle e cancellarle in maniera definitiva con la riscossione di denaro 2 . Questo verso ben evidenzia la natura ambivalente della cancellatura: un testo è scritto per essere letto, riletto e modificato, e perché ciò avvenga esso deve essere più e più volte variato e dunque cancellato. Analogamente nella produzione artistica, occorre apportare continue correzioni all'opera, sia essa su tela, legno, marmo o rame. Il presente lavoro si propone di affrontare il tema della cancellatura all'interno delle arti visive. Ne traccerà in seguito le diverse tipologie di cancellature, ossia quelle parziali, più comuni in ambito artistico, e quelle totali, oltre che analizzare i vari campi di applicazione del termine ''cancellatura''. Dopo una considerazione sulla damnatio memoriae e su come essa riguardò le figure di Federico II di Svevia e di Martino Faliero nell'arte, si prenderà poi in esame l'atto di cancellazione ossessivo-compulsivo compiuto da soggetti instabili ai danni di famose opere d'arte, e quali effetti essi abbiano avuto sulla percezione dell'opera stessa (in particolar modo, della Pietà di Michelangelo). 1 Lett: Ma tu (o pontefice) che scrivi (scomuniche) solo per cancellarle, pensa che Pietro e Paolo, che morirono per la vigna (di Dio) che tu rovini con i tuoi atti, sono ancora vivi in cielo (Dante, 1304-1321, p. 334) 2 Potrebbe però riferirsi anche alla cancellazione dei benefici ecclesiastici accordati da papa Clemente V, oppure ancora all'elezione dei vescovi fatte dai capitoli locali, cancellazioni eseguite allo scopo di goder delle rendite durante i periodi di vacanza. Non vi sono tuttavia prove storiche certe riguardo alla seconda opzione. Cavicci 2001, p. 335.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mimmo rotella
cancellazione
cancellatura
de kooning
damnatio memoriae
emilio isgrò
nicola samorì

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi