Skip to content

L'Oréal: le strategie di successo nei mercati emergenti

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Belletti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Anna Claudia Pellicelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 20

Il chimico francese originario dell'Alsazia Eugène Schueller ricevette il diploma all'École Nationale Supérieure de Chimie di Parigi nel 1904 e nel 1907 diede prova del suo genio creando la prima formula di colorazione per capelli sintetica e innocua, che rappresentò una vera e propria svolta rispetto ai metodi presenti all'epoca sul mercato. Battezzò la formula L'Auréale, nome di una pettinatura femminile di moda all'epoca a Parigi: l'aureola.
Schueller formulava e produceva da sé le tinte per venderle ai parruccheri Parigini che le richiedevano, finché il 24 marzo 1908 egli depositò una domanda di brevetto e il 30 luglio 1909 fondò la "Société Française des Teintures Inoffensives pour Cheveux".
Nell'ottobre del 1909, in occasione della prima edizione della rubrica scientifica La Coiffure Paris, Eugène Schueller firmò un articolo sulla colorazione per capelli, promuovendo così la sua invenzione; successivamente nel 1912 diventò proprietario della rivista. Nel 1910 Schueller convinse i professionisti dell'acconciatura di Parigi ad utilizzare le sue colorazioni, costruì una rete di agenti per vendere i suoi prodotti in tutta la Francia e fondò una scuola di colorazione a Parigi, che diresse personalmente al fine di costruire un legame speciale e duraturo con gli acconciatori, dai quali dipenderà il successo dell'azienda.
Il successo industriale di Eugène Schueller rinforzò la sua convinzione che la ricerca e l'innovazione siano all'origine della crescita. A seguito della prima guerra mondiale le donne iniziarono ad essere più indipendenti ed emancipate, occupandosi sempre di più della loro bellezza e desiderando di coprire i capelli bianchi. Il talentuoso chimico continuò a ricercare nuove tecniche di colorazione; nel 1921 lanciò sul mercato L’Oréal D’Or, un prodotto in grado di creare dei riflessi dorati e donare un look ancora più naturale ai capelli biondi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Storia dell'azienda Il chimico francese originario dell'Alsazia Eugène Schueller ricevette il diploma all'École Nationale Supérieure de Chimie di Parigi nel 1904 e nel 1907 diede prova del suo genio creando la prima formula di colorazione per capelli sintetica e innocua, che rappresentò una vera e propria svolta rispetto ai metodi presenti all'epoca sul mercato. Battezzò la formula L'Auréale, nome di una pettinatura femminile di moda all'epoca a Parigi: l'aureola. Schueller formulava e produceva da sé le tinte per venderle ai parruccheri Parigini che le richiedevano, finché il 24 marzo 1908 egli depositò una domanda di brevetto e il 30 luglio 1909 fondò la "Société Française des Teintures Inoffensives pour Cheveux". 1 Nell'ottobre del 1909, in occasione della prima edizione della rubrica scientifica La Coiffure Paris, Eugène Schueller firmò un articolo sulla colorazione per capelli, promuovendo così la sua invenzione; successivamente nel 1912 diventò proprietario della rivista. Nel 1910 Schueller convinse i professionisti dell'acconciatura di Parigi ad utilizzare le sue colorazioni, costruì una rete di agenti per vendere i suoi prodotti in tutta la Francia e fondò una scuola di colorazione a Parigi, che diresse personalmente al fine di costruire un legame speciale e duraturo con gli acconciatori, dai quali dipenderà il successo dell'azienda. 2 Il successo industriale di Eugène Schueller rinforzò la sua convinzione che la ricerca e l'innovazione siano all'origine della crescita. A seguito della prima guerra mondiale le donne iniziarono ad essere più indipendenti ed emancipate, occupandosi sempre di più della loro bellezza e desiderando di coprire i capelli bianchi. Il talentuoso chimico continuò a ricercare nuove tecniche di colorazione; nel 1921 lanciò sul mercato L’Oréal D’Or, un prodotto in grado di creare dei riflessi dorati e donare un look ancora più naturale ai capelli biondi. In quegli anni tra le donne si diffuse la moda dei capelli corti e tinti, nel 1924 lo slogan di una pubblicità di L'Oréal recitava “Le sfumature più belle con la tintura per capelli L’Oréal” e ritraeva il profilo di 4 donne con tagli maschili. 3 Nel 1928 grazie all'acquisizione della saponeria Monsavon, l'azienda entrò nel settore degli shampoo e ampliò il suo target a tutta la popolazione. 4 Nel 1929 Eugène Schueller riferendosi al prodotto L'Oréal Blanc dichiarò "In questa fiala c'è il segreto di un'intera industria! Un giorno milioni di brune vorranno diventare bionde". Ottenne presto una conferma a partire dal mondo di Hollywood, con l'uscita del film "La donna di platino". 5 Inoltre in quegli anni era ormai scomparsa la moda della pelle chiarissima e le persone più abbienti iniziarono a prendere il sole. Nel 1936 la concessione di ferie pagate a migliaia di lavoratori parigini permise anche a loro di andare in vacanza. Schueller sfruttò la situazione e la trasformò in successo: lanciò l'Ambre Solaire, che fu una svolta per gli affari dell'azienda. 6 1 L'Oréal Paris, http://www.loreal-paris.fr/inside-loreal/histoire.aspx 2 L'Oréal Professionnel Italia, http://lorealprofessionnel.it/loreal-professionnel/about-loreal-professionnel/heritage 3 L'Oréal Paris, http://www.loreal-paris.fr/inside-loreal/histoire.aspx 4 Cronache dal Novecento, http://cronachedal900.blogspot.it/2008/12/cosmesi-breve-storia-de-loral.html 5 L'Oréal Professionnel Italia, http://lorealprofessionnel.it/loreal-professionnel/about-loreal-professionnel/heritage 6 Cronache dal Novecento, http://cronachedal900.blogspot.it/2008/12/cosmesi-breve-storia-de-loral.html 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi