Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La criminalità 2.0

La criminalità informatica rappresenta una nuova sfida per i criminologi del futuro, pertanto è interessante cercare di approfondire l'argomento. I capitoli propongono uno sguardo più più conciso sull'attuale materia di riferimento, con l'obiettivo di comprendere l'aspetto negativo delle relazioni sociali tra minori e adulti, nonché tra minori stessi, ai tempi del web. Il fine è pertanto fornire strumenti di analisi per comprendere fenomeni quali il bullismo in rete e la pornografia online.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L'esplosione delle tecnologie informatiche e telematiche ha comportato cambiamenti epocali in ogni settore della vita umana, disegnando nuovi scenari da qualche decennio a questa parte. Lo spazio virtuale offre svariate opportunità di crescita e sviluppo sociale, culturale ed economico con molteplici lati positivi, alcuni dei quali sono il miglioramento delle comunicazioni nonché delle relazioni tra individui, una maggiore informazione, aggiornamenti in tempi reali o, ancora, le maggiori opportunità, anche lavorative, che ne derivano o la possibilità di compiere operazioni online di carattere economico. Ma ve ne sono anche taluni negativi a seguito di comportamenti criminosi, come ad esempio le truffe online, le distorsione delle informazioni, l'adescamento di minori. Di conseguenza, si viene a creare una nuova frontiera di lotta alla criminalità, attraverso mezzi e strumenti innovativi per la ricerca delle prove, che fungono da contrasto a gravi fenomeni di rilievo penale. In un lasso di tempo estremamente breve, la maggior parte delle 4

Tesi di Master

Autore: Rossana Procopio Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 901 click dal 16/11/2016.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.