Skip to content

La nuova frontiera dell'insolvenza del consumatore

Informazioni tesi

  Autore: Carmine D'amico
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Angelina Principe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

La crisi economica che sta attraversando e debilitando l'economia dell'Italia e del resto d'Europa è evidente. A soffrire maggiormente di questa situazione sfavorevole è sicuramente il consumatore e il piccolo imprenditore con le relative famiglie. Infatti, sempre più sono i casi di sovraindebitamento di tali soggetti e questo non può far altro che peggiorare la crisi economica già imperante. Il sovraindebitamento di un consumatore e di un piccolo imprenditore è devastante per l'economia. Si frenano i consumi e i creditori rischiano di essere insoddisfatti con il pericolo che anch'essi si possano trovare sovraindebitati.
Questo lavoro si propone proprio l'obiettivo di comprendere come il legislatore Italiano sta affrontando questa questione assai delicata.
La prima parte del presente studio muove dall’analisi di carattere sociologico relativa alla eccessiva esposizione debitoria del consumatore, privo degli strumenti tesi alla ristrutturazione delle crisi economiche della famiglia. In questa prospettiva,il legislatore è corso ai ripari con il d.lgs n. 141 del 2010 in materia del credito al consumo. Il primo obiettivo è stato proprio quello di inserire nel nostro ordinamento gli strumenti giuridici necessari per evitare il sovraindebitamento responsabilizzando gli istituti di credito e ponendo norme più stringenti a favore del cliente/consumatore.
Il secondo e il terzo capitolo costituiscono il tentativo di una analisi completa delle disposizioniin cui si snoda la disciplina del sovraindebitamento. Infatti, il legislatore ha deciso di correre ai ripari e prevedere una normativa ad hoc per i soggetti non fallibili. Nasce,cosi, la legge n. 3 del 27 gennaio 2012 recante “Disposizioni in materia di usura e di estorsione,nonchè di composizione della crisi da sovraindebitamento”, successivamente modificata con decreto legge del 18 ottobre 2012, n. 179 (c.d. Decreto Sviluppo-Bis), convertito nella legge n. 221 del 17 dicembre 2012. Sono da menzionare,in quanto a importanza, anche il decreto legge n. 83 del 2015,convertito con modificazioni della legge 6 agosto 2015,n. 132 e il decreto del Ministro della giustizia n. 202 del 2014. Il primo ha modificato alcune norme del codice di procedura civile e della legge fallimentare con ripercussioni evidenti anche in tema di sovraindebitamento. Il secondo ha previsto una disciplina dettagliata per l'organizzazione interna dell'organo più importante delle procedura da sovraindebitamento,e,cioè, l'Organismo di composizione della crisi. Nella sua versione originaria la disciplina sul sovraindebitamento presentava forti elementi di criticità principalmente dovuti alla previsione di un'unica procedura assimilabile agli accordi di ristrutturazione di cui all'art. 182-bis, la quale non distingueva tra l'insolvenza civile e l'insolvenza commerciale dell'imprenditore commerciale non fallibile. A sanare tale criticità è intervenuto il d.l. n. 179 del 18 ottobre 2012 che ha istituito non una sola procedura di composizione della crisi, bensì tre procedure "concorsuali" in rimedio al sovraindebitamento: gli accordi di ristrutturazione dei debiti attivabili da qualunque debitore non fallibile, una procedura ad hoc per il solo consumatore in stato di sovraindebitamento passivo e una procedura di liquidazione dei beni attivabile anche d'ufficio al termine della quale si colloca in posizione eventuale ed accessoria il sub procedimento di esdebitazione. Per la redazione dell'accordo e del piano il debitore è assistito dagli Organismi di composizione della crisi, tali organi oltre a essere di ausilio al debitore svolgono importanti e poliedriche funzioni nell'arco delle tre procedure di composizione della crisi e la loro istituzione è subordinata alla iscrizione in un apposito registro la cui regolamentazione è stata recentemente disposta dal Decreto ministeriale del 24 settembre 2014.
Nel corso del lavoro si è cercato di approfondire determinati temi: l'organizzazione e il ruolo effettivo svolto dagli Organismi di composizione della crisi; gli effetti fiscali degli accordi di ristrutturazione dei debiti; gli adempimenti pratici che è chiamato a svolgere il liquidatore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA La crisi economica che sta attraversando e debilitando l'economia dell'Italia e del resto d'Europa è evidente. A soffrire maggiormente di questa situazione sfavorevole è sicuramente il consumatore e il piccolo imprenditore con le relative famiglie. Infatti, sempre più sono i casi di sovraindebitamento di tali soggetti e questo non può far altro che peggiorare la crisi economica già imperante. Il sovraindebitamento di un consumatore e di un piccolo imprenditore è devastante per l'economia. Si frenano i consumi e i creditori rischiano di essere insoddisfatti con il pericolo che anch'essi si possano trovare sovraindebitati. Questo lavoro si propone proprio l'obiettivo di comprendere come il legislatore Italiano sta affrontando questa questione assai delicata. La prima parte del presente studio muove dall’analisi di carattere sociologico relativa alla eccessiva esposizione debitoria del consumatore, privo degli strumenti tesi alla ristrutturazione delle crisi economiche della famiglia. In questa prospettiva,il legislatore è corso ai ripari con il d.lgs n. 141 del 2010 in materia del credito al consumo. Il primo obiettivo è stato proprio quello di inserire nel nostro ordinamento gli strumenti giuridici necessari per evitare il sovraindebitamento responsabilizzando gli istituti di credito e ponendo norme più stringenti a favore del cliente/consumatore. Il secondo e il terzo capitolo costituiscono il tentativo di una analisi completa delle disposizioniin cui si snoda la disciplina del sovraindebitamento. Infatti, il legislatore ha deciso di correre ai ripari e prevedere una normativa ad hoc per i soggetti non fallibili. Nasce,cosi, la legge n. 3 del 27 gennaio 2012 recante “Disposizioni in materia di usura e di estorsione,nonchè di composizione della crisi da sovraindebitamento”, successivamente modificata con decreto legge del 18 ottobre 2012, n. 179 (c.d. Decreto Sviluppo-Bis), convertito nella legge n. 221 del 17 dicembre 2012. Sono da menzionare,in quanto a importanza, anche il decreto legge n. 83 del 2015,convertito con modificazioni della legge 6 agosto 2015,n. 132 e il decreto del Ministro della giustizia n. 202 del 2014. Il primo ha modificato alcune norme del codice di procedura civile e della legge fallimentare con ripercussioni evidenti anche in tema di sovraindebitamento. Il secondo ha 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

esdebitazione
composizione della crisi da sovraindebitamento
fallimento del consumatore
legge n. 3 del 2012
il piano del consumatore
omologazione dell'accordo
organismi di composizione della crisi
decreto crescita-bis
disegno di legge commissione rorddorf
insolvenza, crisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi