Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Evoluzione e prospettive delle politiche di cooperazione allo sviluppo dell’Unione Europea

Lo studio svolto sul tema della cooperazione allo sviluppo dell'Unione Europea si pone come scopo, anzitutto, quello di fornire alcune essenziali basi conoscitive, necessarie alla comprensione sia dell'evoluzione che l'approccio comunitario ha seguito negli ultimi anni, sia dell'attuale prospettiva che i nuovi accordi di cooperazione si pongono alle soglie di questo terzo millennio. Infine è stato possibile, una volta fornito l'inquadramento teorico, storico e critico sull'argomento, analizzare i dati disponibili su quella che è stata la politica di cooperazione europea, nelle diverse regioni verso cui è stata diretta (Africa-Caraibi-Pacifico, Mediterraneo e Medio Oriente, Asia e America Latina, Europa centrale-orientale e Nuovi Stati Indipendenti), per evidenziarne gli aspetti che non hanno reso possibile, in molti casi, lo sviluppo delle zone “assistite” dagli aiuti comunitari.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 I IN NT TR RO OD DU UZ ZI IO ON NE E La questione della cooperazione allo sviluppo è oggi, più che mai, di cruciale importanza. Nell’Africa sub-sahariana e nell’Asia meridionale oltre il 40% della popolazione sta ancora vivendo sotto la soglia di povertà. In tutto il mondo 800 milioni di persone, 200 milioni di essi bambini, stanno soffrendo di malnutrizione cronica. La percentuale di frequenza scolastica nei 48 paesi meno sviluppati è del solo 36%. La globalizzazione, che coincide soprattutto con l’aumento del commercio e dei flussi di investimento privato, offre alcune opportunità ma aumenta anche il rischio dell’emarginazione. Il problema del debito estero spesso inficia molte manovre di risanamento strutturale. La crescente disuguaglianza è una prova che la crescita e certe forme di aiuto non sono sempre sufficienti di per se a risolvere la situazione. La povertà e l’esclusione che è stata creata sono alle basi dei conflitti sempre più accesi e stanno intaccando la stabilità stessa e la sicurezza di molte regioni e di molti paesi. L’Europa è diventata uno dei principali attori nel processo di cooperazione allo sviluppo il quale, a sua volta, ha assunto negli ultimi anni un’ulteriore importanza, in vista dell’integrazione dei PVS nel “sistema globale” che le istituzioni internazionali e un gran numero di Paesi in tutto il mondo stanno cercando di creare. In questo contesto è utile individuare in che modo l’Unione Europea ha recepito le rinnovate linee di condotta in ambito di cooperazione, sintetizzando le

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Marucci Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 377 click dal 30/11/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.