Skip to content

"La luce di un ripensamento incessante": Raffaele La Capria, scrittore del poi

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Ciofani
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Italianistica, Culture letterarie europee e Scienze linguistiche
  Relatore: Alberto Bertoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

L'opera di Raffaele La Capria è anche un'opera su Raffaele La Capria. Iniziata nel 1952, la sua carriera può essere letta come un testo unico al cui interno sussistono legami, allusioni, evocazioni che costituiscono un lavoro organico composto da testi in dialogo fra loro. Tra il 1952 e il 1973, La Capria ha scritto tre romanzi, raggiungendo la fama col capolavoro "Ferito a morte", il romanzo sperimentale, memore delle esperienze moderniste del Novecento, nonché il testo da cui si genera ogni testo di La Capria. Dopo il 1979 e fino ai primi anni del 2000, l'opera di La Capria riflette sul fallimento della forma-romanzo e sceglie una via saggistica alla narrativa, dedicando pagine molto importanti alla letteratura e alla società (soprattutto riflessioni su Napoli, città natale), al senso comune e alla memoria, ricercando una naturalezza negata dalla complessità dei suoi romanzi precedente. Negli ultimi dieci anni, La Capria è tornato al romanzo con una spinta autobiografica. Il lavoro che ho svolto intende ragionare sull'opera di uno scrittore conosciuto più per il suo personaggio "mondano" (Dudù La Capria, calco del Jep Gambardella de "La grande bellezza") che per la sua stratificata, complessa, tormentata opera, con l'aiuto anche delle pagine autoriflessive che lo scrittore ha scritto sulle motivazioni che hanno sotteso il suo lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Prime false partenze fino a Un giorno d’impazienza Io lavoro sempre a un unico libro, e a questo libro sempre ritorno. Tutto quello che ho scritto, almeno le cose maggiori, e certamente anche le post-fazioni, fanno parte di quest’unico libro. Raffaele La Capria 1 1.1.L’apprendista scrittore: “uomo” e “personaggio” in Una lettera del ’43 Intraprendere uno studio sull’opera di Raffaele La Capria sottopone al rischio di intraprendere uno studio su Raffaele La Capria? Per meglio dire, pone il dubbio se l’opera di La Capria sia un’opera su La Capria? Cedere alla tentazione di «spiegare La Capria con La Capria» 2 è un’operazione intrigante almeno quanto è ardito proporre interpretazioni dei testi non allineate alle versioni ufficiali. Le molteplici suggestioni della sua opera non hanno goduto della bibliografia critica che avrebbero meritato, se non da parte di alcuni studiosi che l’hanno seguita con costanza e ammirazione, tra i quali sono da citare almeno Silvio Perrella, curatore dei due Meridiani a lui dedicati a distanza di dieci anni (il primo, edito nel 2003, in occasione degli ottant’anni dello scrittore; il secondo, un decennio piø tardi, suddiviso in due volumi, sottolineando la fertilità creativa della fase piø recente della sua carriera); Alfonso Berardinelli, che ne celebra spesso la singolarità nel panorama nazionale e la scelta saggistica del periodo piø recente nell’epoca della congestione del genere-romanzo 3 ; e Goffredo Fofi, conclamato ammiratore della peculiarità dello scrittore napoletano, quello «“stile dell’anatra”, lo stile della leggerezza che non si vede e che è il piø difficile da costruire, e della sua condivisibile impazienza […], dei suoi “umori e malumori”» 4 . Da par suo, quale loquace, generoso e severo «esploratore delle proprie intenzioni» che sviscera «ciò che si ha in mente 1 Elisabetta Rasy, Un unico libro, “Panorama”, 22 maggio 1988, in La Capria, Me visto da lui stesso, op. cit., p. 50. 2 Eugenia Roccella, in 9 modi di leggere “Ferito a morte” di Raffaele La Capria: antologia di giudizi critici, Fausto Fiorentino editore, Napoli 1998, p. 81. 3 Cfr. Alfonso Berardinelli, Non incoraggiate il romanzo, Marsilio, Venezia 2011. Riferendosi alla produzione contemporanea, dominata da una logica industriale e commerciale, il critico parla dell’inesistenza del “Romanzo” e della massiccia presenza di “romanzi” e “romanzieri”. Accanto alle esperienze di Franco Cordelli e Walter Siti, il caso di La Capria, che ha abbandonato il genere romanzo nella sua forma classica, è considerato singolare e interessante per la scelta di mostrarsi al mondo con una semplicità espressiva atta a comprenderne la molteplicità nell’ambito di una saggistica narrativa che s’alimenta anche della prospettiva autobiografica. 4 Goffredo Fofi, Uno dei nostri, in “Internazionale”, 6 novembre 2004 [http://www.internazionale.it/opinione/goffredo-fofi/2013/11/06/uno-dei-nostri (ultima consultazione: 19 giugno 2016)].

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

napoli
italia
romanzo
letteratura italiana
novecento
narrativa
premio strega
raffaele la capria
ferito a morte
lo stile dell'anatra

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi