Skip to content

Nelle campagne ungheresi: lo studio sulla musica popolare di Béla Bartók e Zoltan Kodály

Informazioni tesi

  Autore: Luca Rover
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Eveline Vernooij
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

Queste pagine ripercorrono l'attività intrapresa dai musicisti, nonché compositori, Béla Bartók e Zoltan Kodály all'inizio del XX secolo dedita alla ricerca, alla raccolta sistematica e alla comparazione dei canti popolari contadini all'interno dell'area del Regno d'Ungheria, approfondendo come questo lavoro seppe contribuire in modo sostanzioso allo sviluppo della disciplina dell'etnomusicologia e come la scoperta del canto popolare comportò, in modo significativo nella vita dei due musicisti ungheresi, la reale conoscenza di un patrimonio musicale ricchissimo e antichissimo che permise lo svincolamento dalle rigide regole dell'armonia tradizionale, attribuendo inoltre un più alto valore sociale e propedeutico alla musica e al far musica, aprendo per la prima volta gli occhi sul grande teatro che era la civiltà contadina rurale dell'epoca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Testimonianza di una fra le attività etnomusicologiche più proficue ed entusiasmanti di tutto il Novecento, la missione intrapresa da Béla Vikar János Bartók (1881-1945) e Zoltan Kodály (1882-1967) nello riscoprire e analizzare la musica popolare e il canto contadino ungherese, fornì innumerevoli spunti di riflessione sia ai i compositori stessi, sia ai posteri. Fra la moltitudine di risvolti che questo lavoro di ricerca portò con sé, fondamentale fu quello di considerare per la prima volta una nuova visione della musica e del far musica, non più come attività fine a se stessa ma nata per rispondere ad esigenze ben più specifiche, assumendo ruoli funzionali e sociali profondamente radicati negli usi e nelle consuetudini degli abitanti del mondo rurale. Attraverso questa ricerca inoltre, Bartók e Kodály poterono finalmente screditare la posizione di musica nazionale per eccellenza assunta dalla musica rapsodica zigana suonata nelle città la quale, sviluppata nell’immaginario collettivo del periodo romantico e diventata fonte di ispirazione per molti musicisti europei, non era di fatto ungherese ma di importazione straniera. È dunque nostra intenzione indagare sul come e perché la ricerca del folklore musicale, figlia diretta della fioritura delle scuole nazionali iniziata in Europa sul finire del XIX secolo, venne vista da i due compositori quasi come una forma di necessità, un vero e proprio dovere da adempiere nei confronti del proprio paese. Analizzeremo le modalità di ricerca mettendo a confronto i vari stili e repertori raccolti da Bartók e Kodály nei loro viaggi, l’utilizzo del fonografo, l’approccio del musicista col mondo contadino ed i riscontri storico-culturali che questo lavoro seppe mettere in luce, ricordando come tutta la vicenda si collochi su uno sfondo storico assai terribile, angoscioso e di assoluta incertezza quale il periodo precedente, contemporaneo e successivo alla Prima Guerra Mondiale. Vedremo poi come lo studio sulla musica popolare seppe aprire le porte ad un linguaggio armonico incredibilmente nuovo, ricco e antico ma allo stesso tempo dal sapore decisamente moderno. Studiandone le caratteristiche e le peculiarità, capiremo come questo linguaggio divenne ben presto la chiave per l’emancipazione creativa del musicista nei confronti delle rigide regole dell’armonia tonale diventando lo strumento liberatorio che permise, in particolar modo alla carriera di Bartók, di evolversi in maniera sempre costante ed innovativa sino ad affacciarsi ad una forma di modernità musicale dall’approccio indiscutibilmente personale e creativo, conducendo la musica novecentesca verso strade rimaste fino ad allora inesplorate. Nella speranza che queste pagine possano anche far suscitare spunti di riflessioni nei lettori, il fine ultimo vuol essere quello di offrire un umile tributo all’immenso lavoro intrapreso dai due compositori ungheresi all’inizio del secolo scorso, il quale fu per loro non solo scopo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
ungheria
etnologia
romania
etnomusicologia
béla bartók
zoltan kodály

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi