Skip to content

L'opera letteraria di Cristina Campo

Informazioni tesi

  Autore: Sandra Di Vito
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1996-97
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Bianca Maria Frabotta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

Cristina Campo, senhal di Vittoria Guerrini, nacque a Bologna il 28 aprile 1923. Al periodo dell'infanzia risale l'incontro con l'universo sapienziale della fiaba, determinante per la sua formazione letteraria e intellettuale. Trascorse gli anni formativi a Firenze, e dal 1955 fine alla morte (1977) ha vissuto a Roma. Durante la sua breve e umbratile vita, rimase sempre estranea alle polemiche che tormentavano la società letteraria del tempo. Il suo modello di scrittore ideale era “Lo scrittore indifferente al lettore”, e garante per l'uomo della “dimensione del sacro”. Alle tappe fondamentali del suo itinerario spirituale e intellettuale è dedicato il cap. 1 della presente tesi. A dieci anni di distanza dalla sua morte è iniziata la raccolta postuma della sua opera da parte della casa editrice Adelphi. Gli imperdonabili (1987) e Sotto falso nome (1998) raccolgono gli scritti saggistici di C. C. tra cui i volumetti Fiaba e mistero (1962) e Il flauto e il tappeto (1971), e altri sparsi su rivista e poco noti. La Tigre Assenza (1990) raccoglie le poesie, in tutto trenta componimenti, e le traduzioni poetiche: J. Donne, Eliot, Williams, Dickinson, Juan De la Cruz, ecc. Poesie e traduzioni costruiscono, nello spirito di C. Campo, un ideale Libro degli amici di hofmannsthalliana memoria. L'attenzione alla realtà oggettiva, l'amore per la concretezza e per il “simbolo” è il filo che unisce nella poesia di C. C. “tradizione” e “talento individuale”e che accomuna fra loro gli autori da lei prediletti. “Ci occorre sempre un simbolo concreto per afferrare un'idea come si afferra un pezzo di pane” , tale è la lezione che la Campo trae dalla Commedia e dai testi biblici, dai miti e dalle fiabe. L'analisi, nel capitolo secondo, di alcuni versi e varianti ha portato a galla una trama fitta di richiami memoriali, soprattutto a Eliot, vero nume tutelare della poesia del primo tempo, ma non solo. In vita pubblicò 11 componimenti nel volumetto Passo d'addio (1956), e, dopo diversi anni di silenzio, altri componimenti, veri e propri poemetti sacri, vennero pubblicati su “Conoscenza religiosa”; questi ultimi segnano un nuovo modo di poetare, un “secondo tempo” della poesia di C. Campo, in cui si ha la “prevalenza del rito”, e l'approdo definitivo alla terra spirituale. L'opera letteraria di C. C. vive in simbiosi con il suo lavoro di traduttrice, tra le stelle polari che guidano la sua opera saggistica spiccano soprattutto S. Weil e Hofmannsthal (si pensi al concetto weiliano di “Attenzione”). I saggi di C. C. (argomento del cap.3) parlano fondamentalmente di Giustizia, Verità e Bellezza, tutti gli altri motivi (fiaba, mistero, poesia, liturgia, linguaggio, ecc.) gravitano attorno a questi nuclei tematici. Essi nascono dal felice connubio tra l'autàrkeia o indipendenza dalla cultura ufficiale e il suo lavoro di traduttrice. Letture e traduzioni si tendono la mano, simili a “giustapposizioni geologiche” che C. C. portò allo “splendore del minerale perfetto”. Il bisogno della garanzia verticale dell'uomo che l'Occidente ha perso (secondo C. C. a partire dal Concilio Vaticano II), la difesa dei valori spirituali dell'uomo soffocati all'esterno dal materialismo moderno fu uno dei motivi che condivise con Elèmire Zolla. A Cristina Campo”piaceva avere corrispondenza non certo pubblicità” e ricca di corrispondenza fu infatti la sua vita. Della sua opera epistolare ricordiamo: Lettere a un amico lontano (Scheiwiller, 1989); “L'infinito nel finito” (Via del Vento Edizioni, 1998); Lettere a Mita, (Adelphi, 1998); di prossima pubblicazione sono le lettere indirizzate al poeta statunitense William Carlos Williams.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo Primo IL CASO CRISTINA CAMPO I.1. Xenìteia 1 “Quando sono in qualche luogo io insozzo il silenzio del cielo e della terra col respiro e col battito del mio cuore” 2 Vittoria Guerrini, in arte Cristina Campo, “nome artificiale e connaturato a cui non va associato l'attributo impoverente e generico di scrittrice” 3 , ha vissuto la sua breve e umbratile vita nella stagione letteraria del dopoguerra e del boom economico fino agli anni settanta. Un arco di tempo che va, per usare gli -ismi delle storie letterarie, dal neorealismo postbellico, allo sperimentalismo degli anni cinquanta, fino alle neoavanguardie degli anni sessanta-settanta a cui ha posto fine un vero e proprio eclettismo babelico delle poetiche. "Anacoreta" 1 E' l'esilio volontario. Può anche essere xenìteia nel mondo, esilio spirituale in mezzo a una folla . Vivere nel mondo “come un uomo che non esiste”. V. appendice a Detti e fatti dei Padri del deserto, Milano, Rusconi, 1994, p. 274. 2 Simone Weil, L'ombra e la grazia, Milano, 1985, p. 54. 3 Guido Ceronetti, Cristina, Prefazione a, Gli imperdonabili, Milano, Adelphi, 1987, p. XIII.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi