Skip to content

La perizia psichiatrica nell'autore di femminicidio

Informazioni tesi

  Autore: Katia Alario
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: EugenioAguglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

I risultati della mia tesi sono stati da un punto di vista sociale e giuridico abbastanza delineati in quanto il femminicidio è innanzi tutto un problema sociale, che purtroppo ancora permette e tramanda sistemi patriarcali, in modo tale, l’uomo può ancora utilizzare, la violenza, per ridimensionare il proprio potere e la propria virilità.
Non c’è collocazione geografica, età, professione, di questi uomini, c’è un evidente trasmissione errata delle informazioni, forniteci dai media, in quanto l’uomo in questione, non uccide all’improvviso perché spinto da un raptus o da un accecante gelosia, ma dopo lunghi anni di violenza sia psicologica che fisica.
Dal punto di vista psichiatrico, si parla di uomini con organizzazione borderline di personalità, con tratti paranoici e narcisistici, che interpretano e rispondono alla realtà, in modo distorto. Uomini che hanno un idea malata di possesso e controllo, sono poco preparati a vivere le frustrazioni, il rifiuto, e di vedere l’altro al di fuori di sé; mancano di empatia e umanità, e sono incapaci di stabilire relazioni equilibrate.
Si conclude che:
Il femminicidio sia principalmente un problema sociale, che non tutela le donne soprattutto dal punto di vista giuridico e che la donna nonostante i risvolti positivi date dalle nuove leggi, si trovi ancora in una situazione indifesa e di rischio.
la violenza sulle donne fa parte della nostra "civiltà", è strutturale, non emergenziale, perchè alle emergenze si risponde con eventi emergenziali, ai problemi strutturali con cambiamenti culturali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Oggi più di ieri si pronuncia sempre più spesso la parola “femminicidio”, un neologismo per dire basta a ogni forma di discriminazione e violenza contro ogni donna perché donna, esse pagano con la vita, in una società sempre più disponibile ad accettare che questi fatti accadano, non bisogna sottovalutare i dati allarmanti delle uccisioni sempre più frequenti, delle denunce, dei casi di stalking finiti in tragedia. Il problema della violenza è principalmente un fattore culturale, essa fa la sua prima comparsa nel 2006-2007, per poi diffondersi solo negli ultimi anni, non che prima non si consumassero femminicidi ma non se ne parlava sotto il nome propriamente detto, centrale nella sua definizione è il concetto di stereotipo di genere, che riguarda i ruoli che uomini e donne dovrebbero avere per natura, intrappolati in questi stereotipi non sono solo le donne ma anche gli uomini, la violenza si alimenta da un idea di aggressività naturale da parte degli uomini, e una remissività sempre naturale da parte della donna, per cui fin da piccoli si è educati a questa differenza di genere con l‟utilizzo dei giochi tipici, legati al ruolo. Non si uccide perché si ama ma perché non si riesce a concepire la propria donna al di fuori dalla funzione che le è stata assegnata, fino al 1981 il “delitto d'onore” era una fattispecie del nostro ordinamento che concedeva attenuanti agli assassini, e fino al 1996 lo stupro era rubricato dal nostro codice penale tra i delitti contro la moralità e il buon costume anziché contro la persona.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autore di reato
perizia psichiatrica
femminicidio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi