Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro interinale

Tesi riguardante il lavoro interinale nel settore del turismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Si parla spesso di “lavoro interinale” ma in pochi sanno di cosa si tratta, per questo mi sembra interessante affrontare l’argomento con parole semplici e facilmente comprensibili a tutti; poiché negli ultimi anni il mercato del lavoro ha subito notevoli trasformazioni e innovazioni. E’ in un certo senso cambiata la cultura del lavoro e la legge si adegua al nuovo sistema di richiesta-offerta. Il lavoro interinale (chiamato anche lavoro temporaneo o lavoro in affitto) rappresenta la massima forma di flessibilità vigente nell’attuale sistema del mercato del lavoro. Tale istituto ha come finalità quella di fornire alle imprese uno strumento contrattuale dinamico, con cui consentire l’impiego temporaneo di manodopera in base alle esigenze di produzione. La normativa sul lavoro interinale è contenuta nella legge n.196 del 24- 6-1997 chiamata anche “Pacchetto Treu”, modificata dall’art.64 della legge n.488/1999. Vale la pena ricordare che fino all’emanazione della legge n.196/97, nel nostro ordinamento giuridico il collocamento della manodopera ha sempre rappresentato una funzione pubblica, che lo Stato ha espletato in regime di monopolio, attraverso i propri organi periferici, alcuni dei quali a struttura monarchica (Uffici regionali e provinciali del lavoro, Sezioni circoscrizionali per l’impiego), ed altri a struttura collegiale (Commissioni regionali, provinciali e circoscrizioni per l’impiego). L’articolo 27 della legge 29 aprile 1949, n 364 sanciva, infatti, l’assoluto divieto di qualunque tipo di mediazione da parte di soggetti privati, obbligando i datori di lavoro ad effettuare le assunzioni di personale dipendente tramite gli uffici di collocamento. Peraltro l’art.1 della legge 23 ottobre 1960, n. 1369 stabilisce il generale divieto di affidare ad un soggetto terzo l’esecuzione di mere prestazioni di lavoro. È evidente, allora, come l’innovazione portata dalla legge 24 giugno 1997, n.196 sia di carattere rivoluzionario; infatti, tale provvedimento, ammette (con limitazioni ben precise) la possibilità del lavoro interinale. L’approvazione di questa legge parte però da più lontano, precisamente da alcune linee guida stabilite nell’accordo interconfederale del 23 luglio 1993 e meglio chiarite, poi, nel contesto di un altro importante accordo sull’occupazione, ossia, il “Patto per il Lavoro” siglato dalle parti sociali e del Governo il 24 settembre 1996.

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Cesari Contatta »

Composta da 66 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2735 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.