Skip to content

La coltivazione della canapa in Italia problematiche e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Cavallaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giovanni Belletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Nella tesi vengono sviluppate le problematiche e le prospettive possibili per la coltivazione della canapa o marijuana in Italia. La tematica è trattata dall'interno di una federazione volta a incentivarne la coltivazione viste l'enorme potenzialità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione 1.1 Breve descrizione della pianta Originaria dell’Asia centrale indicata in sanscrito con i termini bhanga, vi- jaya e ganjika la canapa e una delle piante meno impattanti. Pu o essere coltivata senza alcun impiego di diserbanti e insetticidi,ha minime esigenze di fertilizzanti e lascia nel terreno una buona dotazione di sostanza organ- ica, rappresentata in gran parte dell’apparato fogliare, oltre all’abbondante e profondo apparato radicale che pu o rinforzare il terreno contro l’erosione [1]. Le colture che seguono la canapa rispondono positivamente, producendo sensibilmente di pi u. In alcuni casi ad esempio il grano rende anche il 20 per cento in pi u rispetto ad una tradizionale rotazione con altre graminacee o bietola. I venti anni dedicati quasi esclusivamente a studiare questa pianta hanno consentito all’Italia di collezionare un catalogo di canapa selvatica e non, con pi u di 300 tipi diversi. Ha un ciclo di vita che pu o durare dai 3 ai 10 mesi a seconda della variet a e delle diverse condizioni ambientali. E’ una pianta dioica, esistono cio e individui con ori maschili ed altri con ori fem- minili; esiste tuttavia anche la pianta in versione ermafrodita detta quindi monoica [2]. La dierenziazione del sesso si pu o iniziare ad osservare in genere alla variet a solo dopo il primo mese; i maschi rilasciano nuvole di polline dai grappoli di ori che si trovano all’intersezione dei rami per raggiunge gli steli del ore femminile. Il maschio superata questa fase muore, la femmina porta a compimento la riproduzione, generando i semi. L’impollinazione e anemola (trasporto tramite il vento). Questo e il procedimento naturale di riproduzione della pianta; oggi giorno tuttavia sono stati creati genotipi femminizati direttamente in laboratorio. La pianta germina in primavera e orisce in estate inoltrata; le numerose variet a tuttavia germinano e or- iscono in periodi e con tempistiche a volte molto diverse anche a seconda dell’andamento climatico [3]. Il fusto alto e sottile, con la parte sommitale ricoperta di foglie, pu o in alcuni casi superare i 6 metri d’altezza [4]. La parte brosa del fusto si chiama "tiglio" e la parte legnosa "canapolo". Le foglie sono picciolate; ciascuna di esse e palmata, composta da 5 a 13 foglioline, a margine dentato-seghettato, con punte acuminate no a 15cm di lunghezza e 3 cm di larghezza [2]. E’ una della poche piante a produrre delle molecole note come cannabinoidi o comunque a produrne in quantit a rilevanti, oggigiorno attraverso l’ingegneria genetica si tenta di praticare degli innesti anche con altre piante [5] [6]. Il contenuto di metaboliti secondari vincola la tassonomia cio e la classicazione delle varie tipologie in due sottogruppi o chemiotipi a seconda dell’enzima preposto nella biosintesi dei cannabinoidi. Si distingue 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

canapa
cannabis
coltivazione
thc
marijuana
cbd
ikhemp
federcanapa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi