Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Viaggio nelle Confraternite tra storia e diritto: alla ricerca della Confraternita del Monte dei Morti di Roccarainola

Il dibattito storiografico moderno sulle Confraternite, nasce verso la metà dell’Ottocento con due differenti chiavi di lettura del fenomeno: come centri di tipo “religioso-devozionale” e come potenziali gruppi di opposizione a tutto ciò che di gerarchico è nell’organizzazione statale ed ecclesiale.
La problematica sulle Confraternite non passa inosservato essendo state oggetti di studi e ricerche per l’importanza che ebbero e continuano ad avere nel mondo cristiano.
Ma come può definirsi la Confraternita oggi? Ci rispondono i canoni 298 e seguenti del vigente Codice di Diritto Canonico che recita: <>.
Le origini delle Confraternite risultano incerte e frastagliate nella precisa collocazione storica.
Le Confraternite sicuramente hanno avuto e svolto un ruolo importante prima, dopo e durante il fenomeno associativo collegato alla Chiesa. Non è facile individuare con precisione il momento della loro nascita.
Alcuni studiosi vogliono far risalire ai primi secoli del Cristianesimo (i primi cristiani infatti, usavano chiamarsi fratelli), altri al secolo XIII.
Non esistono però documenti attendibili che attestino un rapporto di continuità fra tali antiche forme associative e le Confraternite che si caratterizzano come fenomeni tipicamente medievali.
A seconda delle diverse regioni d’Italia queste associazioni di religiosi presero nomi diversi: congreghe, congregazioni, compagnie, fraterie, ecc. “Quando questi sodalizi cominciarono ad avere una certa importanza ed una più vasta diffusione, si fissarono i termini “Confraternitas” ed “archiConfraternitas”, attualmente usati nel linguaggio corrente ecclesiastico e del Codice di Diritto Canonico”.
In Italia alcuni studiosi fanno risalire le origini al 1260; altri al 1144, autori più recenti danno per sicura la loro esistenza al secolo X. Molte di esse derivano dal movimento dei flagellanti, dei battuti, dei disciplinati che predicavano concordia e penitenza, chiamati, a seconda delle fogge di vestito, bianchi, capuciati ecc. Molti si appoggiarono ai nuovi ordini mendicanti. Tale sodalizio fu positivo e un bene per la società poiché favorì la fusione delle varie classi rendendo più operativo le opere di carità, di assistenza,
Proprio per quella tipicità di pietà popolare che si sviluppò nel Medioevo a causa della chiusura della Chiesa in una liturgia troppo clericale e irrigidendosi in forme ed espressioni squisitamente latine, il popolo per vivere una fede più coerente al proprio status sociale sviluppò alcuni usi, gesti ed espressioni tipiche appunto della pietà popolare.
Le forme di Religiosità popolare sono moltissime: la Via Crucis, il Rosario, i pellegrinaggi, il culto dei santi, le processioni, le visite ai Santuari, i riti legati ai momenti della vita (nascita, malattia e morte) ecc. In queste manifestazioni si esprime il senso religioso dei fedeli.
Queste forme di pietà sono un prolungamento della vita liturgica della Chiesa. Sono manifestazioni molto legate alla tradizioni locali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questo lavoro, strutturato in quattro capitoli, vuole avere principalmente lo scopo di offrire al lettore la conoscenza della grande forza organizzatrice e di aggregazione che queste Confraternite hanno dimostrato di avere fin dalla loro nascita, congiuntamente a “quel saperne di più”, poiché non è possibile oggi in Italia e in Europa, essere cittadini consapevoli, persone responsabili e inserite da protagoniste nella vita del nostro tempo senza conoscere e saper riconoscere segni, elementi, pensieri, sensibilità che sono appartenuti al mondo di queste Confraternite. Nel capitolo I affronteremo, cercando di essere il più esaustivi possibili, le origini, la formazione, lo sviluppo, l’evoluzione storica e la diffusione di queste Confraternite, dalla nascita al periodo in cui sono state operative. L’obiettivo è quello di favorire la loro conoscenza, gli aspetti spirituali, etici, morali e sociali, nonché le ricadute antropologiche, anche culturali, che le hanno caratterizzate. Per raggiungere tale scopo si cercherà di offrire strumenti con i quali è possibile una lettura più pragmatica della loro quotidianità dell’ambiente nel quale hanno operato. Metteremo in evidenza un aspetto progredito del concetto di solidarietà nel guardare la realtà sociale, con particolare attenzione ad alcuni aspetti come il problema delle diseguaglianze, la povertà, le violenze di genere, il problema del male e del dolore, della malattia e della morte. Problematiche che, per il periodo storico in cui queste Confraternite hanno operato, sembravano più che disagi da combattere e risolvere, uno “status quo” legittimato. In conclusione l’excursus storico di questo capitolo ha come obiettivo finale la conoscenza di questo cammino articolato delle Confraternite fatto di accadimenti avvenimenti, caratterizzato anche “faticosi” incontri-scontri, prima che esse trovassero una loro giusta collocazione e sistemazione giuridica.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gianfranco Riccardo Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 340 click dal 03/02/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.