Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Autonomia ed accessorietà del rapporto fideiussorio

Questa tesi pone l'accento sull'evoluzione delle garanzie personali dalla fideiussione al contratto autonomo di garanzia, analizzando i fattori chiave di queste due figure (e quindi i motivi di tale evoluzione). Si conclude con una sentenza della Corte di Cassazione in merito al contratto autonomo di garanzia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il seguente lavoro ha l’obiettivo di confrontare le due principali figure di garanzia personale, vale a dire la fideiussione e il contratto autonomo di garanzia e, di conseguenza, comprendere come la disciplina tipica del contratto di fideiussione si è, in un certo senso, “evoluta” in quella atipica del contratto autonomo di garanzia. L’intera elaborazione si suddivide in due parti, ognuna formata da due capitoli. La prima parte riguarda il contratto di fideiussione, la seconda invece è relativa al contratto autonomo di garanzia. Cos’è la fideiussione? Il primo capitolo è utile a rispondere a questo quesito; la sua finalità è infatti quella di descrivere genericamente il contratto in questione. Punto di partenza è dato dalla definizione dettata dall’art. 1936 c.c., secondo il quale “è fideiussore colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce l’adempimento di un’obbligazione altrui”. Successivamente si fa riferimento alle modalità di adempimento, alle circostanze che causano l’estinzione del contratto e ai motivi che lo invalidano. Di maggiore rilevanza è il secondo capitolo nel quale si entra nel merito del contratto di fideiussione. In questa parte infatti vengono illustrati i tratti distintivi della fideiussione con particolare riferimento all’accessorietà; tale carattere dell’accessorietà è quello che più connota la fideiussione ed è inteso come accessorietà del rapporto fideiussorio rispetto al rapporto principale. Tale natura accessoria si evince principalmente negli articoli 1939 e 1945 del c.c.; il primo stabilisce che la fideiussione non è valida se non è valido il contratto principale; il secondo consente al fideiussore di opporre al creditore tutte le eccezioni spettanti al debitore principale. La

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Carmine Di Rienzo Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 599 click dal 10/02/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.