Skip to content

I Reti e i Germani: alfabeto retico di Magré e Rune. L'elmo B di Negau

Informazioni tesi

Autore: Edoardo Sartore
Tipo: Diploma di Laurea
Anno: 2012-13
Università: Università degli Studi di Verona
Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
Corso: Lingue e Letterature Straniere
Relatore: Maria AdeleCipolla
Lingua: Italiano
Num. pagine: 97

Un breve quadro storico sulle radici prime della civiltà europea e sulle quattro maggiori teorie relative alla lingua indeuropea fa da introduzione all'elaborato: l'ipotesi Kurgan di Marija Gimbutas, l'ipotesi Anatolica di Colin Renfrew, la teoria della Continuità Paleolitica di Marco Alinei ed infine, l'ipotesi Genetica di Luca Cavalli Sforza.
La fotografia storico-filologica delle popolazioni germaniche, dà una panoramica dei due popoli che furono in contatto tra di loro, cioè i Germani e i Reti, la cui isoglossa retica mostra successivi rapporti anche con la popolazione venetica.
Viene evidenziato l'ambito filologico germanico dei ritrovamenti avvenuti nel 1912, a Magré, dove stanziava una popolazione retica, che fu in contatto sia con il gruppo di Sanzeno/Bolzano che con i Veneti. Il gruppo di Magré dedicò un santuario alla dea Rezia (Rhaetia), dove furono rinvenute iscrizioni su ossa di cervo, nel cosiddetto alfabeto di Magré. Alfabeto di derivazione nord-etrusca e successivamente per osmosi, con l'alfabeto venetico.
Si analizza il territorio circostante il luogo del santuario che, essendo ricco di sorgenti e torrenti, risultò ideale per la lavorazione del ferro, dando maggior forza alla tesi etrusca-retica-venetica, sulla provenienza dell'alfabeto runico. Alfabeto composto di segni retti, senza curve e le cui iscrizioni erano poste su di un materiale rigido, che vide la luce proprio per mezzo di scambi commerciali, lungo una strada pedemontana, che alcuni chiamano pista dei Veneti, ma che più correttamente dovrebbe essere definita la Via del ferro.
Questa pista arrivava fino in Stiria (Austria), e a Negau (oggi Ženjak, Slovenia), dove furono ritrovati diversi elmi, di cui il più importante, l'elmo B di Negau, di provenienza retico-venetica, riportava alcune scritte incise sul bordo dell'elmo: harigasti e teiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
19 Capitolo 2 LE RADICI DELLA CIVILTÀ EUROPEA: GLI INDEUROPEI 2.1.Quattro teorie? Un interrogativo che la filologia e la linguistica si sono poste, riguarda le caratteristiche della lingua antenata, della presunta fonte comune dalla quale tutte le lingue, nella fattispecie le lingue ie., erano nate. Con il trascorrere del tempo però, la ricerca di una lingua unitaria si è spostata dapprima, sulla ricostruzione storica delle lingue, successivamente sulla sede originaria delle popolazioni ie., per finire con il chiedersi quali erano le culture o la cultura originaria degli Indeuropei. E tali ricerche, di tipo quanto mai interdisciplinare, hanno portato sostanzialmente all’individuazione di diverse teorie, tra le quali, ve ne sono tre tra le più accreditate. Da ultimo, una quarta teoria, basata su studi genetici, si sta proponendo nel dibattito, aprendo forse nuove prospettive. Theory Proponents PIE Homeland Kurgan hypothesis Marija Gimbutas Southern Russia Anatolian hypothesis Colin Renfrew Turkey Palaeolithic Continuity theory Mario Alinei Europe Genetic hypothesis Luca Cavalli-Sforza Italy - Europe 2.2. Teoria Gimbutas (Kurgan hypothesis) 9 La teoria dei cosiddetti tumuli funerari o cultura dei Kurgan, tra le più autorevoli e che trova entusiasti seguaci, fu elaborata da Marija Gimbutas (lituana di origine, statunitense di adozione) nella seconda metà del Novecento (1956), e successivamente rielaborata negli anni che vanno dal 1967 al 1990. Questa teoria afferma che gli Indeuropei erano all’origine un popolo di pastori e guerrieri a cavallo, vissuti in corrispondenza della cultura del IV millennio, cioè quella dell’Età del Rame o Calcolitico: cultura chiamata anche dei kurgan (da una parola russa di origine turco–tartara che 9 Joan Marler, L'eredità di Marija Gimbutas. Una ricerca archeomitologica sulle radici della civiltà europea, in Le radici prime dell’Europa. Gli intrecci genetici, linguistici, storici, di Autori Vari, 2001, Cap. 7, pagg. 89 - 115, a cura di Bocchi G e Ceruti M., Bruno Mondadori, Milano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF acedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

rune
indoeuropei
alfabeto di magré
elmo b di negau
i reti
i germani
indeuropei
tesi etrusco-retica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi