Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mondo ricreato. Evoluzione degli effetti speciali nella saga di Guerre Stellari

Evoluzione degli effetti speciali (scenografie e ambientazioni) nella saga di Guerre Stellari.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Da sempre il cinema è stato costellato da effetti speciali più o meno evidenti e più o meno complessi. Il regista, grazie all’ausilio di questi strumenti, sarà in grado di narrare qualcosa che abbia una visuale diversa dalla percezione realistica del concreto. Si può dire che gli effetti speciali siano nati con il cinema stesso e man mano che questo si evolveva, man mano aumentavano le tecniche sempre più innovative che permettevano la rappresentazione di storie fantastiche e mondi lontani. Gli effetti speciali sono dei veri e proprio trucchi cinematografici che danno un’impressione diversa della realtà. Per esempio, possono essere utilizzati per modificare uno scenario già esistente o per crearne uno immaginario, dove gli attori potranno poi portare in vita le storie che il regista vuole narrare. Ancora, paradossalmente, possono aiutare a rendere più verosimile un aspetto del film, sia un personaggio sia un oggetto di scena, che nella realtà risulterebbe del tutto o parzialmente finto. Oramai l’occhio umano, come in passato ha imparato a percepire automaticamente gli stacchi tra un’inquadratura e un’altra, è abituato alla presenza di ogni sorta di effetto speciale, anche di quello più straordinario. Gli effetti speciali uniscono il reale e il fantastico in un’unica soluzione, in modo da colpire maggiormente lo spettatore. Il lavoro qui proposto prende in esame il caso particolare della saga di Guerre Stellari 1 di George Lucas. Essa, come vedremo, racchiude le tappe fondamentali della storia degli effetti speciali e, al tempo stesso, cerca di raccontarcene il futuro. La scelta di affrontare un discorso di questo tipo, si basa su due motivazioni principali: la prima è di tipo analitico, che aiuti a capire perché e come, i creatori di questa saga, siano stati pionieri in campo tecnologico e quanto siano stati essenziali 1 Guerre Stellari (Star Wars) è una saga cinematografica di genere fantascientifico, che si compone, al momento della stesura di questo lavoro, di sette lungometraggi, di cui quattro diretti da George Lucas, uno da Irvin Kershner, uno da Richard Marquand e uno da J.J. Abrams. Il primo è del 1977, l’ultimo del 2015.

Diploma di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giorgia Savaglio Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 93 click dal 23/02/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.