Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Da sport a impresa: il connubio calcio-marketing

Con la mia tesi di laurea ho cercato di analizzare quella che è la mia passione, il calcio, sotto il punto di vista del marketing, strategico e operativo. Ho dapprima introdotto quelle che sono le basi del marketnig, studiato poi quelle che sono le iniziative e le caratteristiche dei principali top club d'Europa, concludendo, infine, analizzando il caso dell'F.C. Juventus.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE    È la storia di tanti bambini e perché no, anche bambine: tornano da scuola, divorano il                                 proprio pranzo con un orecchio teso ad ascoltare la televisione e l’altro (forse) concesso                             alle domande di mamma e papà e poi via, a giocare per strada con gli amici; quattro,                                   cinque, sei ore di sana attività fisica, sudore, grinta, adrenalina, gioia.   Che sia calcio, basket o palla avvelenata, c’è un unico comune denominatore: la                           passione ​ .  Si, perché quando sei bambino è la passione che ti fa giocare tutto il giorno, tutti i                                   giorni, senza avvertire la fatica. È la passione, quando sei un adolescente, che ti spinge                               ad andare agli allenamenti, piuttosto che dagli amici. È la passione, e non può essere                               nient’altro, che non ti fa mollare mai, neanche quando la razionalità ti costringerebbe a                             farlo.  Io, come tanti altri miei coetanei, sono cresciuto con la passione per il calcio, lo guardo,                                 lo gioco, lo tifo, lo difendo. A primo impatto sembra uno sport relativamente semplice:                             ci sono un campo, due porte, un pallone e ventidue giocatori che si combattono; il                               concetto di fondo in effetti è ​ molto semplice​ , com’è giusto che sia, sono infatti le cose                                 semplici, caratterizzate da un linguaggio universale, ad attirare l’attenzione delle                     persone: cercare di segnare un goal più degli avversari.  Ma tra il dire e il fare.. Lo sappiamo no? Ecco allora che che sono entrati in gioco                                     moduli nuovi, ruoli nuovi, nuove modalità di allenamento, diete, stili di gioco, modi di                             calciare la palla: si è assistito ad una vera e propria evoluzione del giuoco del calcio, la                                   quale oltre a modificare sensibilmente tutti gli aspetti legati alla partita giocata, ha fatto                             sì che diventasse lo sport più seguito al mondo,in modo particolare in Italia.    Finora abbiamo parlato di calcio giocato; la domanda che sorge spontanea è “C’è di                             più?”.    “Il calcio italiano si conferma un movimento sportivo di assoluto rilievo nel nostro                           Paese: i tesserati totali ammontano nel 2014­ 2015 a 1.394.602, dato in costante crescita                             da 5 anni a questa parte. Di questi, 1.099.455 sono i calciatori tesserati, 24.706 i tecnici,                                   1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Cossalter Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 593 click dal 02/03/2017.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.