Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La realizzazione di un’idea imprenditoriale in campo turistico: il caso Termoli Sport Village

Il villaggio turistico risulta essere, ormai da decenni, uno strumento fondamentale per promuovere il turismo anche, e soprattutto, in luoghi scarsamente valorizzati da bellezze paesaggistiche e servizi per i turisti. Pur non potendo, in alcuni casi, contare sull’aiuto di risorse esterne, il villaggio ha le proprie fondamenta nella radicata struttura interna di servizi a disposizione del turista ed il fine è palese: rendere il soggiorno piacevole, confortevole e tutt’altro che tedioso.
Le compagini, le idee e le iniziative che potrebbero rendere attraente un villaggio turistico-sportivo sono innumerevoli, tuttavia la recessione economica degli ultimi anni non ha certamente aiutato il settore turistico ed esplodere e diventare il business per eccellenza a livello mondiale. Ciò nonostante, il flusso di turismo globale è in crescita, ma in gran parte dei casi, un investimento mal ponderato, può rivelarsi la causa dell’incapacità di un’azienda di sopravvivere nell’ambiente competitivo; tanto più se si considera che la concorrenza diretta, ove presente, è capace di avanzare politiche difensive efficaci. In merito, è importante precisare che ogni area strategica di affari appartenente a un’azienda ha bisogno di scrupolose analisi e relative fattibilità di realizzazione. Insomma, un lavoro impegnativo se si tiene presente che, ai nostri giorni, sono poche le realtà imprenditoriali che si organizzano per effettuare approfondimenti riguardo l’analisi previsionale della domanda, i competitors, le strategie di marketing, per citarne alcuni.
La profonda conoscenza del bacino d’utenza e del territorio in cui si opera è la prerogativa per il successo.
Spesso però, essere reattivi non è sufficiente; un approccio di tipo proattivo deve essere di supporto al pensiero di base dell’agire condizionatamente agli eventi che ci circondano. E’ celebre la legge del mercato che assegna un valore aggiunto, e in questo caso determinante, all’impresa che sa anticipare le mosse dei suoi concorrenti. Ma come può un’azienda creare valore, aumentando i tempi di reazione dei competitors? La risposta risiede nel concetto espresso pocanzi: un mix di prodotto/servizio difficile da imitare.
Quando si pensa ad un insieme di idee che prendono forma, tramutandosi in attività, svolte grazie all’esistenza di strutture adeguate, non è sufficiente soffermarsi sul mero conteggio delle stesse per affermare che maggiori sono le attività da poter svolgere e più successo avrà il villaggio: una convinzione inizialmente persuasiva, ma non proiettata verso il successo. Per ottenere consensi a lungo termine sono indispensabili i concetti di organizzazione, sinergia e qualità. Si intende chiarire le idee con un esempio concreto: pensate di essere in vacanza e alzandovi al mattino abbiate voglia di giocare a calcetto, ma non ci sia nessuno ad aprire il cancello del campo e a partecipare alla partita; oppure andare nella palestra dell’albergo e non usufruire di un personal trainer perché non previsto nell’organigramma del personale dell’albergo. Immaginate, invece, di recarvi al campo e trovare persone con la vostra stessa passione, pronti a prender parte a una divertente partita di calcetto precedentemente pianificata, dopo aver richiesto un paio di palloni al custode dei campi; o ancora di trovarvi in palestra con una scheda di lavoro appena stampata dal personal trainer. Ecco che l’atmosfera cambia notevolmente, così come il vostro stato d’animo e la soddisfazione di aver scelto il villaggio giusto. D’altronde, i fattori che il consumatore prende in esame per la scelta del luogo dove trascorrere le proprie vacanze sono molteplici, ma solo dopo aver vissuto l’esperienza turistica egli darà loro il giusto peso; se il valore assegnato ai fattori selezionati dal turista risulta positivo, egli ripeterà il viaggio e darà corso alla diffusa forma pubblicitaria del “passaparola”.
Un’organizzazione ottimale e delle valide sinergie richiedono un’attenzione particolare nella strutturazione dei costi di gestione, per cui è preferibile stabilire a priori se inserirle nel piano strategico e determinarne le tipologie più appropriate.
Non si commetta, però, l’errore di assegnare ai considerevoli concetti un raggio d’azione ristretto; gli aspetti che vengono affrontati comprendono numerosi ambiti e nel caso del villaggio turistico-sportivo i principali sono:
• turismo sostenibile
• qualità totale
• strategia di marketing
• strategia finanziaria
• strategia operativa
Uno dei requisiti fondamentali di sostegno per l’attribuzione di efficacia agli obiettivi organizzativi e sinergici è la scelta della location, influenzata da alcune variabili tra le quali la distanza dal mare, dal centro abitato, dalla stazione ferroviaria e dei pullman, dalla presenza di strutture e di servizi per il cittadino, dall’adeguatezza delle vie di comunicazione.
Sarà proprio la suddetta analisi a introdurre l’esposizione del progetto imprenditoriale Termoli Sport Village.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il villaggio turistico risulta essere, ormai da decenni, uno strumento fondamentale per promuovere il turismo anche, e soprattutto, in luoghi scarsamente valorizzati da bellezze paesaggistiche e servizi per i turisti. Pur non potendo, in alcuni casi, contare sull’aiuto di risorse esterne, il villaggio ha le proprie fondamenta nella radicata struttura interna di servizi a disposizione del turista ed il fine è palese: rendere il soggiorno piacevole, confortevole e tutt’altro che tedioso. Ad oggi, non esiste un vero e proprio format di villaggio turistico, perché le esigenze dei vacanzieri sono tanto diverse quanto in evoluzione; l’importante è dar vita ad un mix di prodotti/servizi che sia in grado di allietare l’intero periodo di permanenza del singolo o del gruppo di turisti. Sicuramente alcune fonti interessanti sulle quali pianificare il business sono l’attività ricettiva, sportiva e trattamenti per la cura della persona. Da sempre l’uomo ha continuamente cercato soluzioni per trascorrere il tempo libero e ha trovato nello sport un alleato perfetto: il movimento, la disciplina, l’ambizione, lo spirito di gruppo, la condivisione di emozioni, sono tutte caratteristiche che innalzano lo sport a un livello difficilmente raggiungibile da altre tipologie di attività. Ragione per la quale lo sport e le strutture ad esso adibite, sono protagonisti del progetto imprenditoriale in campo turistico di seguito denominato Termoli Sport Village. Le compagini, le idee e le iniziative che potrebbero rendere attraente un villaggio turistico-sportivo sono innumerevoli, tuttavia la recessione economica degli ultimi anni non ha certamente aiutato il settore turistico ed esplodere e diventare il business per eccellenza a livello mondiale. Ciò nonostante, il flusso di turismo globale è in crescita, ma in gran parte dei casi, un investimento mal ponderato, può rivelarsi la causa dell’incapacità di un’azienda di sopravvivere nell’ambiente competitivo; tanto più se si considera che la concorrenza diretta, ove presente, è capace di avanzare politiche difensive efficaci. In merito, è importante precisare che ogni area strategica di affari appartenente a un’azienda ha bisogno di scrupolose analisi e relative fattibilità di realizzazione. Insomma, un lavoro impegnativo se si

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Roberto Cupido Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 72 click dal 15/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.