Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La madre che uccide. Analisi psicologica del fenomeno del figlicidio

Partendo dai casi di cronaca, questa tesi si pone l’obiettivo di analizzare il fenomeno del figlicidio dal punto di vista storico e sociale; successivamente verranno analizzate le molteplici ragioni che spingono una donna a compiere questo gesto.
Saranno poi affrontati i temi della diagnosi, della prevenzione e del trattamento, che si pongono come momenti necessari al fine di poter aiutare la donna nei difficili momenti della gravidanza e del post-parto, momenti fondamentali e critici nella genesi di problematiche che possono poi condurre verso condotte estreme e delittuose.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE 30 Gennaio 2002 : in una villetta di Cogne viene ucciso il piccolo Samuele Lorenzi di 3 anni. La madre del bambino, Annamaria Franzoni, chiama i soccorsi, riferendo di averlo trovato agonizzante nel letto, ma il bambino, all’arrivo in ospedale, è ormai morto. La madre viene riconosciuta colpevole dell’omicidio del figlio, ma lei si dichiarerà sempre innocente. 8 Settembre 2005 : a Merano, Christine Rainer uccide il figlio Julian di 4 anni mentre il bambino stava facendo colazione. All’omicidio assiste anche il fratellino di 5 anni. La donna, nel corso dell’interrogatorio, tenterà il suicidio, gettandosi dal secondo piano del commissariato di polizia. 18 Maggio 2005 : Maria Patrizio, donna della provincia di Lecco, racconta di essere stata aggredita in casa mentre stava facendo il bagno al figlio Mirko di 5 anni. La donna riferisce che, durante l’aggressione, il bambino sarebbe scivolato in acqua, morendo così affogato. Due settimane dopo però la donna confesserà di aver ucciso il suo bambino. 20 Luglio 2009 : a Parabiago, in provincia di Milano, Marcella Sardeni uccide il figlio Lori, 4 anni, strangolandolo con un cavo elettrico. Viene ritrovata dalla nonna e la zia del bambino mentre vegliava il cadavere del figlio, in evidente stato di choc. La donna soffriva di una forte depressione, per la quale era in cura da tempo.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Alessandra Di Addezio Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 208 click dal 24/03/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.