Skip to content

Autismo infantile e Terapia Multisistemica in acqua

Informazioni tesi

Autore: Jenny Tellan
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2014-15
Università: Università degli Studi di Urbino
Facoltà: Scienze Motorie
Corso: Scienze Motorie Sportive e della Salute
Relatore: VincenzoBiancalana
Lingua: Italiano
Num. pagine: 49

L’ idea di questo lavoro nasce dalla mia passione per il nuoto ed in un interesse personale nel voler approfondire una tematica così delicata come l’autismo. Negli ultimi anni si è sentito parlare sempre più spesso di questo termine, sebbene con molta incertezza e inconsapevolezza di che cosa significhi veramente. A partire dal 1943, quando il dottor Leo Kanner individuò per primo questo disturbo, si sono susseguite nel tempo molte ipotesi su quali siano le cause reali, ma ad oggi ancora non sappiamo di preciso quali siano i fattori scatenanti questa sindrome. Nonostante ciò, sappiamo comunque che esistono molte strategie di intervento che possiamo utilizzare per aiutare i soggetti affetti da questo disturbo.
Una di queste modalità è sicuramente lo sport, nonostante venga ancora poco utilizzato. In passato sono stati realizzati molti progetti rivolti alle persone con autismo. Nella maggior parte dei casi però la componente ludica e sportiva è stata sottovalutata e messa da parte, per lasciare spazio a temi ritenuti più importanti e prioritari, come ad esempio l’integrazione scolastica, la riabilitazione, l’inserimento lavorativo. Solo nel corso degli ultimi anni abbiamo potuto assistere ad un leggero cambio di rotta, dovuto soprattutto ad una maggiore consapevolezza e ad una visione più globale di quello che è il benessere del bambino affetto da autismo. L’obiettivo diventa quindi il miglioramento della qualità della vita di questi soggetti, che comprende anche la dimensione sportiva e ludica. Infatti sono molti gli studi che affermano l’importanza dell’attività fisica per la salute fisica e mentale dei soggetti disabili. Nel caso dell’autismo, l’attività fisica è in grado di ridurre significativamente le stereotipie motorie e l’aggressività e di aumentare i livelli di attenzione e concentrazione.
Ho deciso di dividere il lavoro in due parti. La prima parte, si pone l’obiettivo di analizzare le principali caratteristiche del disturbo, rivolto in modo particolare all’infanzia: la storia; i sintomi, i fattori di rischio ed i vari metodi utilizzati per la diagnosi e l’intervento. Nella seconda parte invece verrà trattato l’argomento della terapia multisistemica in acqua con bambini affetti da autismo. Si tratta di un metodo di trattamento che si è sviluppato negli ultimi anni e che sta riscuotendo sempre maggiore successo e sta accumulando consensi, sia da parte dei genitori che da parte degli esperti di settore. Infine verrà esposta un’esperienza che ho condotto personalmente con questi bambini per più di un anno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L ’ idea di questo lavoro nasce dalla mia passione per il nuoto ed in un interesse personale nel voler approfondire una tematica così delicata come l’autismo. Negli ultimi anni si è sentito parlare sempre più spesso di questo termine, sebbene con molta incertezza e inconsapevolezza di che cosa significhi veramente. A partire dal 1943, quando il dottor Leo Kanner individuò per primo questo disturbo, si sono susseguite nel tempo molte ipotesi su quali siano le cause reali, ma ad oggi ancora non sappiamo di preciso quali siano i fattori scatenanti questa sindrome. Nonostante ciò, sappiamo comunque che esistono molte strategie di intervento che possiamo utilizzare per aiutare i soggetti affetti da questo disturbo. Una di queste modalità è sicuramente lo sport, nonostante venga ancora poco utilizzato. In passato sono stati realizzati molti progetti rivolti alle persone con autismo. Nella maggior parte dei casi però la componente ludica e sportiva è stata sottovalutata e messa da parte, per lasciare spazio a temi ritenuti più importanti e prioritari, come ad esempio l’integrazione scolastica, la riabilitazione, l’inserimento lavorativo. Solo nel corso degli ultimi anni abbiamo potuto assistere ad un leggero cambio di rotta, dovuto soprattutto ad una maggiore consapevolezza e ad una visione più globale di quello che è il benessere del bambino affetto da autismo. L ’obiettivo diventa quindi il miglioramento della qualità della vita di questi soggetti, che comprende anche la dimensione sportiva e ludica. Infatti sono molti gli studi che affermano l’importanza dell’attività fisica per la salute fisica e mentale dei soggetti disabili. Nel caso dell’autismo, l’attività fisica è in grado di ridurre significativamente le stereotipie motorie e l’aggressività e di aumentare i livelli di attenzione e concentrazione. Ho deciso di dividere il lavoro in due parti. La prima parte, si pone l’obiettivo di analizzare le principali caratteristiche del disturbo, rivolto in modo particolare all’infanzia: la storia; i sintomi, i fattori di rischio ed i vari metodi utilizzati per la diagnosi e l’intervento. Nella seconda parte invece verrà trattato l’argomento della terapia multisistemica in acqua con bambini affetti da autismo. Si tratta di un metodo di trattamento che si è sviluppato negli ultimi anni e che sta riscuotendo sempre maggiore successo e sta accumulando consensi, sia da parte dei genitori che da parte degli esperti di settore. Infine verrà esposta un’esperienza che ho condotto personalmente con questi bambini per più di un anno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabilità
sport
autismo
nuoto
autismo infantile
tma
terapia multisistemica in acqua
metodo caputo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi