Skip to content

Il CRM nelle strategie degli Automotive retailers: il caso Maldarizzi

Informazioni tesi

Autore: Andrea Di Blasi
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2015-16
Università: Politecnico di Bari
Facoltà: Ingegneria
Corso: Ingegneria meccanica
Relatore: NunziaCarbonara
Lingua: Italiano
Num. pagine: 114

Il contesto economico degli ultimi anni ha evidenziato una tendenza indirizzata verso una ripresa economica dei mercati maturi, ma anche una crescita di quelli in espansione nel settore Automotive. I paesi emergenti stanno guidando il trend positivo dei mercati e della produzione industriale, nel contempo le economie avanzate stanno cercando strumenti e strategie efficaci che permettano di affrontare il calo della domanda mutando la propria produzione su segmenti di mercato in cui la concorrenza sia meno stringente. Le innovazioni di prodotto e di processo adottate da molte aziende per differenziarsi dalla concorrenza si sono dimostrate le armi vincenti per il raggiungimento di tale obiettivo. La necessità di formulare un differente ed attuale approccio al cliente ha spinto le aziende all’adozione di innumerevoli novità in termini di marketing e di customer relationship management (CRM), elementi essenziali per sostenere l’immagine e le operazioni commerciali sia delle imprese produttrici sia dei dealer.
In altre parole il CRM è rappresentato dalla gamma di attività che contribuiscono a migliorare i rapporti con i clienti e, di conseguenza le vendite e la fedeltà. Per un’azienda il patrimonio più importante è rappresentato dai clienti.
Negli ultimi anni le aziende che hanno adottato la politica CRM hanno implementato strumenti software e servizi web in grado di aiutarli nella gestione del cliente, di tracciarne la storia e le abitudini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 -TREND DI MERCATO DELL’INDUSTRIA AUTOMOTIVE 1.1. L’economia mondiale La crescita dell’economia mondiale per l’anno 2015, secondo il Fondo Monetario Internazionale, è stata del 3,2%, subendo un leggero calo nella seconda metà dell’anno. Rispetto ai dati acquisiti nel mese di aprile dello stesso anno, le proiezioni esprimono una diminuzione generale dal +3,2% al +3,1% per il 2016 e dal +3,5% al +3,4% per il 2017. Tali percentuali sono frutto di una crescita del 2,1% delle economie avanzate e di una attenuazione dei rialzi nel 2016 e 2017 tra il +1,6% e il +1,8%. Le aspettative di crescita delle economie emergenti non sono state rispettate, arrestando la crescita al 4% nel 2015, il dato più basso dalla crisi finanziaria del 2008/2009; la ripresa sarà graduale attestandosi al +4,2% nel 2016 e al +4,6% nel 2017. Il quadro internazionale è stato fortemente condizionato da una contrazione dell’economia cinese (soprattutto riduzione degl’investimenti e calo dell’import/export), dal dimezzamento del prezzo del petrolio (47% rispetto al prezzo medio del 2014), dalla caduta dei prezzi dei prodotti energetici, dalle decisioni sui temi finanziari della politica monetaria degli USA, dalla recessione del Brasile e della Russia e dall’instabilità politico- militare ed economica di molti stati del Nordafrica e del Medio Oriente. Nelle economie avanzate si è registrato un rallentamento imputabile sia al Giappone per il calo dei consumi privati che ad alcune economie avanzate dell’Asia.Il mercato del lavoro degli USA si attesta su risultati inferiori alle aspettative, sebbene rimanga ancora particolarmente dinamico. Nell’area europea altresì, Pil e mercato del lavoro non hanno ancora superato i livelli pre-crisi. La Banca Centrale Europea (BCE) ha introdotto, per favorire la crescita e gli investimenti, il quantitative easing (o QE) nel tentativo di limitare i debiti pubblici degli stati ed i tassi d’interesse delle banche. Risultano in sofferenza le economie di Russia e Brasile a causa del calo dei prezzi delle materie prime e del petrolio mentre, tra i paesi emergenti, la Cina mantiene, nonostante le difficoltà, un tasso di crescita significativo del 6,9%. Il calo del prezzo del petrolio è stato determinato da svariati fattori, legati al calo della domanda dell’Eurozona, che attraversa una fase di stagnazione economica, alla frenata di alcune potenze economiche internazionali ed all’aumento di energia ricavata da fonti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi