Skip to content

L'arcobaleno oltre la separazione. Nelson Mandela e i fondamenti del nuovo Sudafrica

Informazioni tesi

  Autore: Italia Bucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Mario  Di Gregorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Analisi del complesso panorama politico, storico ed economico del Sudafrica dalla seconda guerra anglo-boera fino alla fine dell'apartheid e la nascita della Rainbow Nation.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Capitolo 1 Hendrik Frensch Verwoerd – L’architetto dell’apartheid Hendrik Frensch Verwoerd professore, giornalista e Primo Ministro del Sudafrica dal 1958 al 1966, è stato soprattutto il principale filosofo e teorico dell’apartheid. Colui che una volta al governo perfezionò la legislazione razzista dello “sviluppo separato” tanto da esserne definito l’architetto. Eletto senatore e capogruppo del National Party 1 , nel 1950 divenne ministro degli Affari indigeni e nel 1958 assunse la guida del National Party e del governo. Convinto assertore della superiorità bianca, non fece mistero del suo antisemitismo, della sua anglofobia, delle sue simpatie per il nazismo e progettò il più grande regime razzista inteso a diventare una struttura permanente, provocando drammatiche tensioni culminate nel massacro di Sharpeville del marzo 1960 e nella messa al bando dell'African National Congress e del Pan-Africanist Congress. Verwoerd nasce ad Amsterdam l’8 settembre 1901 e nel 1903 si trasferisce in Sudafrica insieme alla famiglia, come secoli prima fecero i suoi avi, di cui ripercorre il lungo viaggio verso l’Africa australe e ne esalterà l’ideale mistico religioso. La compromessa situazione economica e politica della comunità che li accoglie, influenzerà molto questa famiglia già animata da un forte spirito nazionalista; soprattutto il giovanissimo Hendrik che un giorno determinerà le sorti di milioni di nativi sudafricani, per difendere la purezza della sua razza 2 . Quando i Verwoerd arrivano a Wynberg, in Sudafrica è appena finita, col trattato di Vereeniging, la seconda guerra boera. 3 (1899-1902). Inglesi e afrikaner hanno messo fine a un conflitto costato un prezzo altissimo per entrambi i popoli, in termini di perdite umane e di beni. Questa guerra è stata fortemente voluta dal partito conservatore inglese, bramoso di impossessarsi dei ricchissimi giacimenti di diamanti e oro di cui è ricco il territorio sudafricano, e altrettanto ostacolata dal Liberal Party britannico che si oppone a questo conflitto, reputandolo inutile, costoso e terribilmente sanguinoso. I boeri resistono furiosamente all’attacco degli inglesi, e questi ultimi, pur di porre fine al fanatismo afrikaner, ricorrono a grandi mezzi. Sostituiscono il comandante Lord Roberts con il più famoso generale del suo esercito, Horatio Kitchner, che sterminerà senza pietà gli oppositori inaugurando la politica della terra bruciata. Ad una ad una le fattorie del 1 National Party, NP, è il partito che ha guidato il paese durante l’apartheid. Fondato nel 1914 dal generale Herzog, l’Np ha la sua base nell’elettorato bianco. Dopo la vittoria del 1948 il partito si dedica alla costruzione del sistema dell’apartheid . La protesta nera fu repressa con forza e le organizzazioni ad essa collegate furono dichiarate fuori legge. 2 Dominique Lapierre, Un arcobaleno nella notte. La vera storia del Sudafrica di Nelson Mandela, Il Saggiatore, Milano 2008, pp 48 3 Wikipedia- Hendrik Verwoerd

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nelson mandela
apartheid
sudafrica
desmond tutu
guerra anglo-boera
hendrik verwoerd
processo di rivonia
steve biko
black consciouness
rainbow nation

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi