Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti della navigazione stimata nella storia delle Scienze Nautiche

Descrizione dettagliata degli strumenti che hanno permesso l'evoluzione della navigazione sino ai giorni odierni.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Sin dalla notte dei tempi l‟uomo, viaggiando per mare, si è impegnato affinché la navigazione potesse risultare sicura ed efficace al fine di conoscere con elevata continuità, la posizione della propria unità in ogni istante e in tutte le possibili situazioni operative. Gli antichi navigatori greci parlavano di seconda navigazione quando, venendo meno gli aiuti della natura, il vento e la corrente, i marinai erano costretti ad utilizzare la forza fisica mediante l‟uso dei remi. Si può affermare che la „prima navigazione‟ attuata dai primi popoli navigatori sia stata quella stimata, fondamento di ogni navigazione, quest‟ultima si è evoluta sempre più negli anni, sino ad arrivare ai tempi odierni ove gli strumenti della navigazione stimata hanno subito notevoli modifiche grazie all‟ avvento delle tecnologie avanzate e al continuo sviluppo delle società navali. Nel contempo, nel tentativo di rendere più sicuro il viaggio, da molti secoli l‟uomo di mare cercò di sviluppare, incontrando e superando notevoli difficoltà, la “seconda navigazione”, ovvero la navigazione di osservazione. Dagli inizi del XIX secolo fino ad oggi questa nautica di osservazione, essenzialmente costiera nei brevi tragitti e astronomica nelle traversate d‟altura, ha avuto un ruolo determinante, in quanto è riuscita a ridurre sensibilmente le insidie sempre latenti dei viaggi marittimi. Osservando il sole e le stelle, infatti, un capitano è in grado di guidare con maestria il suo vascello nelle lunghe traversate oceaniche, sia di giorno sia di notte. Dalla metà di questo secolo e più in particolare inseguito alle vicissitudini delle due guerre mondiali, è andata sempre più sviluppandosi la “terza navigazione”, quella strumentale. Lo scopo di questa breve esposizione è quello di analizzare, seppur per sommi capi, l‟evoluzione della navigazione e, nello specifico, degli strumenti della navigazione stimata nella storia delle scienze nautiche.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Nautiche

Autore: Simone Fermo Contatta »

Composta da 45 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 111 click dal 28/04/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.