Skip to content

Magic and Witchcraft in Shakespearean England: Macbeth and The Tempest

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Bobbo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Alessandra Petrina
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 52

The purpose of this dissertation is to present the theme of magic and witchcraft in England between the sixteenth and seventeenth century. Furthermore, I will analyse how Shakespeare uses this topic in Macbeth and The Tempest.
There is an historical approach to the theme of magic in the first chapter, where I briefly explain how witchcraft was defined and punished by English sovereigns of the time –in our case, King Henry VIII, Queen Elizabeth and King James. In addition, I cite some stereotypes and beliefs concerning magical and supernatural creatures –in both England and Scotland – that were thought to be bearers of misfortune, such as bad weather or infertility. Furthermore, an analysis of King James’ Daemonologie is also given, trying to link the King’s statements and personal experience to the general beliefs.
In the following two chapters, I try to explain how Shakespeare deals with magic in his plays; the two plays I take as examples are Macbeth and The Tempest. The former, usually dated 1606, “has always seemed the most topical of Shakespeare’s great tragedies, cannily alert at once to King James’ personal obsessions and to contemporary events.” ; analysing the play I underline how some events in Macbeth are connected to events that happened to King James. The chapter will also be focused on the importance of the Weird Sisters and I try to answer the question “Why are the sisters so important for the development of the play?” An explanation of their possible origin and their peculiar features is also given. I then explore and analyse the figure of Hecate as the “Mistress of the Charms” and give some notions about her ancient origin. Moreover, an analysis of ghosts and apparitions in the play is present.
I speak about the substantial difference between white and dark magic in the third chapter by portraying the roles and figures of Prospero, the white magician, and of the evil witch Sycorax; scholars like Jerry Brotton, Paul Brown and Ania Loomba –who have written a lot about the theme of colonization in The Tempest- are quoted to underline the great difference between Prospero and Sycorax. In this chapter I also make reference to the spirit Ariel and the monster Caliban.
The fourth and last chapter is a discussion on the theme of magic vs illusion, that is how magic can control and shape the characters’ mind and consequently manipulate their fate and actions; the prophecy of the witches and Prospero’s storm are taken as examples. The discussion then continues and concerns the connection between real and fictional places in the plays; the reliability of Macbeth’s Scotland is a matter of discussion in connection to the real country of Scotland and then followed by hypothesis on the possible location of Prospero’s island in the Mediterranean Sea. Finally, the chapter briefly explains the role of magic in both the plays and, moreover, magic will be also analysed in relation to politics; it will be clear how magic is connected to politics and how magic changes and influences political affairs.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Forward The purpose of this dissertation is to present the theme of magic and witchcraft in England between the sixteenth and seventeenth century. Furthermore, I will analyse how Shakespeare uses this topic in Macbeth and The Tempest. There is an historical approach to the theme of magic in the first chapter, where I briefly explain how witchcraft was defined and punished by English sovereigns of the time –in our case, King Henry VIII, Queen Elizabeth and King James. In addition, I cite some stereotypes and beliefs concerning magical and supernatural creatures –in both England and Scotland – that were thought to be bearers of misfortune, such as bad weather or infertility. Furthermore, an analysis of King James’ Daemonologie is also given, trying to link the King’s statements and personal experience to the general beliefs. In the following two chapters, I try to explain how Shakespeare deals with magic in his plays; the two plays I take as examples are Macbeth and The Tempest. The former, usually dated 1606, “has always seemed the most topical of Shakespeare’s great tragedies, cannily alert at once to King James’ personal obsessions and to contemporary events.” 1 ; analysing the play I underline how some events in Macbeth are connected to events that happened to King James. The chapter will also be focused on the importance of the Weird Sisters and I try to answer the question “Why are the sisters so important for the development of the play?” An explanation of their possible origin and their peculiar features is also given. I then explore and analyse the figure of Hecate as the “Mistress of the Charms” 2 and give some notions about her ancient origin. Moreover, an analysis of ghosts and apparitions in the play is present. I speak about the substantial difference between white and dark magic in the third chapter by portraying the roles and figures of Prospero, the white magician, and of the evil witch Sycorax; 1 Greenblatt, Stephen, The Norton Shakespeare, Cohen, Walter; Howard, Jean E., Eisaman Maus, Katherine, eds., London: Norton, 2008, p. 2569. 2 Shakespeare, Macbeth, 3.4, 6, in Greenblatt, Stephen, The Norton Shakespeare, Cohen, Walter; Howard, Jean E., Eisaman Maus, Katherine, eds., London: Norton, 2008. This is the text I use.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

shakespeare
literature
the tempest
macbeth
england
scotland
renaissance
witchcraft
magic
witch

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi