Skip to content

Polisensualismo: il coinvolgimento dei sensi nella persuasione del consumatore

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Puliafico
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Mario Graziano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

In un mercato ormai saturo, maturo e annoiato diventa sempre più difficile per le imprese farsi notare e rendersi riconoscibili ai potenziali consumatori. Anche le campagne pubblicitarie più riuscite, spesso non permettono un totale riconoscimento del cliente nei prodotti o meglio ancora nei marchi pubblicizzati.
Il modo classico di concepire la persuasione ha perso dunque le sue potenzialità davanti a consumatori sempre più spesso consapevoli, che non esitano ad erigere barriere protettive innanzi a desuete tecniche persuasive.
La gerarchia di Maslow, per certi versi ancora attuale, pur essendo un metodo interessante di caratterizzazione delle motivazioni che inducono il cliente all’acquisto, è simbolo per l’appunto di un vecchio e ormai superato modo di concepire i consumi e non sembra dunque essere in grado di descrive le ragioni che determinano la maggior parte degli acquisti industriali. Sembra, invece, essere più efficace considerare i prodotti e i servizi non in termini di attributi fisici, bensì di benefici. Secondo questa corrente di pensiero l’unica ragione che spinge il consumatore all’acquisto è il desiderio di ottenere i benefici che derivano dall’acquisto stesso.
E’ proprio in questo scenario che negli ultimi anni ha ottenuto sempre più spazio il dibattito sul marketing esperienziale ed emozionale. La  marketing experience, partendo dal presupposto che i sensi non sono indipendenti gli uni dagli altri punta al recupero emozionale del consumatore, attraverso vere e proprie aggressioni polisensoriali.
L’idea generale degli studi su questo tema deriva da un’ipotesi molto semplice, secondo la quale, stimolare i sensi positivamente, può indurre stati psicologici altrettanto positivi nei consumatori, e questo, chiaramente, si renderebbe concreto in comportamenti d’acquisto particolari.
In particolar modo gli aspetti maggiormente studiati e utilizzati dagli esperti di marketing esperienziale sono gli effetti raggiungibili attraverso la somministrazione di musiche, odori e colori….
E’ stato studiato che la semplice variazione del volume e della velocità di riproduzione della musica possono generare comportamenti di consumo differenti e di conseguenza far aumentare o ridurre il volume d’affari delle più svariate attività commerciali. Sono numerosi gli studiosi che nell’arco degli ultimi decenni si sono occupati di ricerche a riguardo, tra i più noti Guéguen, Le Guellec, Jacob, Milliman, Areni e Kim. In generale, sembrerebbe si possa consigliare ai professionisti di diffondere sempre musica lenta o classica per indurre a consumare di più e prodotti più cari. In altre circostanze, al contrario, può però essere interessante e utile accelerare la velocità di deambulazione dei clienti nei punti vendita e un tempo rapido sembrerebbe essere più adeguato a produrre questo risultato.
Da anni la scienza ha confermato il ruolo fondamentale dell’olfatto nei meccanismi del ricordo: anche i profumi sembrerebbero, infatti, essere soggetti all’effetto della mera esposizione. Numerosi sono gli esperimenti di marketing olfattivo che confermano quanto dimostrato dalla scienza, tant’è vero che in America si è arrivati ad assumere come principio guida di numerose operazioni di marketing lo slogan “sell with smell”. La nascita del concetto di marketing olfattivo, sviluppatosi prevalentemente nell’ultimo secolo, si deve allo psichiatra americano A.H.Hirsch il quale dimostrò come fosse possibile suscitare interesse, attirare ed emozionare le persone “prendendole per il naso”. “Prendere per il naso”, in questo consiste esattamente il marketing olfattivo.
La vista e i suoi processi percettivi non sono ovvi né tantomeno facilmente descrivibili. Ciò nonostante però, la percezione visiva ha assunto una grande rilevanza sulla scia dell’interesse sviluppatosi intorno alla capacità di influenzare l’uomo che viene ormai unanimemente riconosciuta al colore. Così da farla entrare a pieno titolo nel dibattito sul marketing esperienziale ed emozionale.
I colori universalmente considerati portatori di valori, rappresentano però dei simboli e poiché tali assumono significati diversi secondo i differenti background culturali. Studiare il significato antropologico attribuito ad ogni colore, nelle più svariate società, sembra, dunque, essere un ottimo strumento per evitare incomprensioni e gap culturali.
Ciò che sembra essere palese studiando e analizzando i più vari aspetti del marketing esperienziale ed emozionale è che se da una parte è possibile risvegliare ricordi e conseguentemente emozioni sopite nei consumatori o semplicemente indurne di nuove, al fine di persuadere e stimolare comportamenti di consumo particolari, d’altra parte in campo di sensi niente è scontato e le individualità di ciascuno, sia che derivino da esperienze personali sia che siano maturate in contesti culturali ben precisi, risultano sempre decisive nell’interpretazione di ciò che accade, o che si fa “accadere”, intorno a noi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4     INTRODUZIONE “La tua razionalità potrebbe essere confusa, ma le tue emozioni non ti mentiranno mai” 1 Roger Ebert Nel mercato moderno, saturo ed annoiato, in cui i consumi non sono più frutto di bisogni specifici, diventa sempre più necessario per le aziende e i propri prodotti distinguersi e differenziarsi dai concorrenti. Viviamo, infatti, in un’economica globale, un mercato diffuso in cui proliferano migliaia di marchi. Le attività di comunicazione sono diventate intense e le politiche commerciali vengono applicate secondo logiche di massa. Il modo classico di concepire la persuasione vede svanire, dunque, le sue potenzialità davanti a consumatori sempre più spesso consapevoli, che non esitano ad erigere barriere protettive innanzi a desuete tecniche persuasive. La gerarchia di Maslow, per certi versi ancora attuale, pur essendo un metodo interessante di caratterizzazione delle motivazioni che inducono il cliente all’acquisto, è                                                                                                                           1 Roger Ebert, intervista 2003 di Matthew Rothschild.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi