Skip to content

Disturbo dello spettro autistico, strategie di intervento inclusivo e progetto di vita

Informazioni tesi

  Autore: Angela Giorgio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università della Valle D'Aosta
  Facoltà: Scienze Umane e Sociali
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Serenella Besio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Il disturbo dello spettro autistico (ASD) si configura come una disabilità permanente con esordio nei primi tre anni di vita del bambino e presenta una eziologia ignota. In ambito scientifico esiste, tuttavia, un accordo sulla natura organica su base genetica dell’autismo che, unitamente ai fattori ambientali ed esperienziali, interagisce nello sviluppo neurobiologico del soggetto, realizzando una diversa espressività del disturbo che si modifica nel tempo. A fronte della cospicua proliferazione, negli anni, delle teorie interpretative del disturbo, si ravvisa la necessità di ricomporre i molteplici orientamenti in una spiegazione unitaria che individui l’essenza dell’autismo, al fine di agevolare una tempestiva diagnosi e indirizzare gli operatori verso forme di intervento efficaci e realmente inclusive. Dopo una breve rassegna delle principali interpretazioni dell’autismo che si sono succedute nel tempo, per le quali sussistono evidenze scientifiche in ordine alla correttezza del contributo dato al progresso delle conoscenze sull’argomento (si pensi alla Teoria della Mente, la Teoria del deficit delle Funzioni Esecutive, la Teoria del deficit della Coerenza Centrale, la Teoria del deficit della simulazione mentale e la Teoria della mente enattiva) vengono esaminate le più importanti strategie di intervento. Al riguardo sono stati elaborati numerosi programmi educativi che propongono strategie diverse a seconda dell’orientamento teorico di riferimento. Vengono analizzati, in particolare, il Programma ABA, il Programma TEACCH, il Modello Denver e l’ESDM. Successivamente, viene presentato il modello di ricerca evidence-based adottato dall’Istituto Superiore di Sanità nella formulazione della Linea Guida 21, con l’intento di unificare in un corpus organico gli interventi per l’indicazione al trattamento. Il modello evidence-based si colloca su un percorso metodologico di integrazione tra ricerca quantitativa e qualitativa (mixed methods); a titolo esemplificativo viene citato il modello COMPASS, in cui l’inclusione diventa l’obiettivo comune e reciproco della classe che collabora e sostiene la generazione dell’apprendimento. Infine – dopo aver ricordato un caso di autismo ante litteram risalente alla seconda metà del Diciottesimo secolo (Hugh Blair of Borgue), l’attenzione viene rivolta al “dopo di noi”, inteso come promozione di una vita indipendente. La costruzione di un progetto di vita nasce dalla necessità di pensare a un ruolo futuro di ogni individuo nella società e prevede una partecipazione attiva della persona con disabilità nell’ambiente in cui vive. In questa prospettiva può essere letta la recente introduzione nel nostro sistema giuridico della «Legge del dopo di noi», che individua quali destinatari delle tutele, le persone affette da disabilità grave non autosufficienti, a condizione che la disabilità non derivi dal naturale invecchiamento o da patologie connesse alla senilità. La tutela è preordinata ad evitare l’istituzionalizzazione dei figli nel momento in cui vengano a mancare i genitori o gli stessi non siano più in grado di assolvere alla loro funzione genitoriale. La recente innovazione legislativa si adatta particolarmente a gestire il futuro delle persone con disturbo dello spettro dell’autismo. A questo proposito giova segnalare il DPCM del 12.01.2017 che annovera per la prima volta in Italia, tra i livelli essenziali di assistenza, la specifica tutela dedicata alle persone con disturbo dello spettro dell’autismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO PRIMO Il disturbo dello spettro autistico e le teorie interpretative più diffuse 1.1. Premessa Il disturbo dello spettro autistico si configura come una disabilità permanente con esordio nei primi tre anni di vita del bambino e presenta una eziologia ignota. In ambito scientifico esiste, tuttavia, un accordo sulla natura organica su base genetica dell’autismo che, unitamente ai fattori ambientali ed esperienziali, interagisce nello sviluppo neurobiologico del soggetto, realizzando una diversa espressività del disturbo che si modifica nel tempo (Valeri, 2006). In generale, l’autismo può essere definito come un disturbo del neurosviluppo che si manifesta, con differenti gradi di gravità, attraverso la compromissione funzionale dell’interazione sociale reciproca, della comunicazione verbale e non verbale, nel repertorio ristretto di attività e interessi (APA, 2013; Nussbaum, 2014; Frith, 2005; SINPIA Linee Guida, 2005; Linee Guida 21, 2011). Le principali classificazioni nosografiche considerano i disturbi dello spettro autistico come sindromi da alterazione globale dello sviluppo psicologico (OMS, ICD-10) o disturbi pervasivi dello sviluppo (APA, DSM-IV-TR, 2000), individuando tradizionalmente tre aree caratterizzanti: la socialità, il linguaggio e i comportamenti stereotipati. Attualmente il DSM-5 (APA, 2013) utilizza un’unica categoria diagnostica e ricomprende la precedente tripartizione in due domini: 1) deficit sociali e comunicativi; 2) interessi fissi e comportamenti ripetitivi. In questo modo si dà

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

progetto di vita
neuroni specchio
autismo
teacch
aba
trust
denver
hugh blair of borgue
trust
legge sul dopo di noi
denver
hugh blair of borgue
legge sul dopo di noi
teoria della mente e autismo
gioco e autismo
disabilità grave
programmi evidence based
affidamento fiduciario e vincoli di destinazione
integrazione disabili
disturbi dello spettro autistico
early start denver model
promozione vita indipendente disabile
deficit funzioni esecutive
strategie intervento inclusive
trust
trust
trust

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi