Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pera nella memoria dei Genovesi: notizie e tradizioni (gli oggetti sacri pervenuti dopo la conquista di Costantinopoli)

Il periodo successivo alla caduta di Costantinopoli e alla dedizione della colonia di Pera ai Turchi (1453) è cruciale per Genova che, proprio a causa del rapido progressivo sfaldamento del proprio impero coloniale nel Levante, è costretta ad affrontare una grave crisi economica e politica.
Dopo una sintetica trattazione del periodo, la tesi tratta della crisi vista da una particolare angolazione, gli oggetti sacri cioè che, per timore di Turchi, nell'arco di trent'anni sono evacuati da Pera e inviati a Genova.
Tutti i casi vengono analizzati in dettaglio attraverso le testimonianze, anche inedite, contenute nelle fonti, soprattutto genovesi.
Viene inoltre ricostruita la storia di alcuni significativi oggetti sacri - icone, reliquie, libri liturgici - giungendo a inedite conclusioni.
Chiudono la tesi un'ampia bibliografia, tre tabelle e undici tavole relative ad alcuni oggetti sacri tutt'ora esistenti a Genova.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Veduta prospettica di Pera, Liber insularum Maris Aegeii, Cristoforo Buondelmonti Codice cartaceo sec. XV , Biblioteca della Marciana di Venezia Il ventennio che dal 1453, anno fatidico della caduta di Costantinopoli e della dedizione di Pera ai T urchi, giunge al 1475, quando hanno fine le ultime colonie genovesi di Crimea, è un periodo cruciale per il mondo latino e per Genova in particolare, che vede il progressivo rapido sfaldamento del proprio impero coloniale. Iniziato quasi quattrocento anni prima, il sistema coloniale genovese del Levante, pur nelle sue alterne e complesse vicende, ha rappresentato l’ossatura sulla quale si sono fondate la prosperità economica e la potenza politico-militare di Genova sul mare, condizioni che hanno consentito alla città di assurgere al rango di prima potenza mediterranea. Il crollo del sistema coloniale è traumatico per la città che, già provata da una situazione di endemica instabilità interna, vede rimessa in discussione la propria egemonia nel Mediterraneo quando non addirittura la sua stessa esistenza come soggetto politicamente significativo: è un moment o sicuramente tormentato questo, di enorme travaglio politico e sociale, preludio però di quel volgersi ad Occidente che sarà la pietra miliare della ricostituita potenza di Genova nei secoli a venire.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Almiro Ramberti Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 43 click dal 11/05/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.