Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fiscalità ambientale e prelievi tributari sui rifiuti: Analisi storica e prospettive future dei tributi ambientali in relazione all’annoso problema della tassazione sui rifiuti

La fiscalità ambientale è una branca del diritto tributario di recente affermazione per la cui comprensione ed approfondimento è indubbiamente necessario un approccio innovativo e multidisciplinare. Il presente lavoro si pone quale obiettivo preminente quello di affrontare lo studio dei tributi ambientali in modo schematico, lineare e coerente; gli argomenti sono così esposti seguendo una metodica top-down, dal globale allo speci-fico, nel tentativo di fornire una trattazione quanto più esaustiva possibile, senza però uscire al di fuori della tematica principale.

La schematizzazione espositiva è evidenziata anche dalla suddivisione in due parti della tesi: una prima parte dedicata alla fiscalità ambientale nella sua generalità, che si prefigge il precipuo compito di introdurre l’argomento e di analizzarlo in tutte le sue sfac-cettature. Ed è proprio nella prima parte del presente lavoro che si evidenzia la natura multidisciplinare dello stesso: la questione ambientale viene quindi affrontata partendo dalla nozione di ambiente nella sua accezione jus-naturalistica, ricorrendo a talune no-zioni tipiche del diritto ambientale, per poi essere contestualizzata a livello globale, me-diante l’excursus storico delle principali conferenze mondiali sull’ambiente.

Individuata e contestualizzata la tematica ambientale, vengono quindi passati in rassegna i principali strumenti giuridico-economici volti alla salvaguardia dell’ambiente. Rimembrando talune fondamentali teorie appartenenti alle scienze delle finanze, si intro-ducono quindi i tributi ambientali analizzando le diverse fattispecie, approfondendo le criticità applicative di ciascuna di esse e gli eventuali effetti teorici positivi (c.d. doppio dividendo) che la riforma del sistema tributario in chiave ambientale potrebbe realizzare.
Si procede dunque allo studio della fiscalità ambientale ed al suo grado di attua-zione a livello europeo attraverso l’analisi dei principali trattati europei e degli atti che hanno scandito lo sviluppo ed il consolidamento della questione ambientale nel Vecchio Continente; si giunge infine allo studio della realtà nazionale attraverso la disamina della Costituzione Italiana in chiave ambientale facendo ricorso insistente alle molteplici inter-pretazioni giuridiche e dottrinarie elaborate nel corso degli anni.

La seconda parte della tesi lascia il passo generalista della prima parte nel tentativo di fornire una prospettiva concreta allo studio teorico precedentemente effettuato. Con-centrandosi esclusivamente sulla realtà nazionale si analizza lo sviluppo storico dei rifiuti nella legislazione nazionale: partendo dunque dalla TARSU fino a giungere alla TARI, si tenta di dipanare una matassa costituita da decenni di riforme, querelle dottrinarie, ed interpretazioni contrastanti. Infine, ma non per importanza, si tenta di fornire delle pro-poste migliorative dell’attuale legislazione nazionale sulla base di un’analisi comparata di talune realtà nazionali virtuose in ambito europeo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 ABSTRACT ITALIANO La fiscalità ambientale è una branca del diritto tributario di recente affermazione per la cui comprensione ed approfondimento è indubbiamente necessario un approccio innovativo e multidisciplinare. Il presente lavoro si pone quale obiettivo preminente quello di affrontare lo studio dei tributi ambientali in modo schematico, lineare e coerente; gli argomenti sono così esposti seguendo una metodica top-down, dal globale allo speci- fico, nel tentativo di fornire una trattazione quanto più esaustiva possibile, senza però uscire al di fuori della tematica principale. La schematizzazione espositiva è evidenziata anche dalla suddivisione in due parti della tesi: una prima parte dedicata alla fiscalità ambientale nella sua generalità, che si prefigge il precipuo compito di introdurre l’argomento e di analizzarlo in tutte le sue sfac- cettature. Ed è proprio nella prima parte del presente lavoro che si evidenzia la natura multidisciplinare dello stesso: la questione ambientale viene quindi affrontata partendo dalla nozione di ambiente nella sua accezione jus-naturalistica, ricorrendo a talune no- zioni tipiche del diritto ambientale, per poi essere contestualizzata a livello globale, me- diante l’excursus storico delle principali conferenze mondiali sull’ambiente. Individuata e contestualizzata la tematica ambientale, vengono quindi passati in rassegna i principali strumenti giuridico-economici volti alla salvaguardia dell’ambiente. Rimembrando talune fondamentali teorie appartenenti alle scienze delle finanze, si intro- ducono quindi i tributi ambientali analizzando le diverse fattispecie, approfondendo le criticità applicative di ciascuna di esse e gli eventuali effetti teorici positivi (c.d. doppio dividendo) che la riforma del sistema tributario in chiave ambientale potrebbe realizzare. Si procede dunque allo studio della fiscalità ambientale ed al suo grado di attua- zione a livello europeo attraverso l’analisi dei principali trattati europei e degli atti che hanno scandito lo sviluppo ed il consolidamento della questione ambientale nel Vecchio Continente; si giunge infine allo studio della realtà nazionale attraverso la disamina della Costituzione Italiana in chiave ambientale facendo ricorso insistente alle molteplici inter- pretazioni giuridiche e dottrinarie elaborate nel corso degli anni. La seconda parte della tesi lascia il passo generalista della prima parte nel tentativo di fornire una prospettiva concreta allo studio teorico precedentemente effettuato. Con- centrandosi esclusivamente sulla realtà nazionale si analizza lo sviluppo storico dei rifiuti nella legislazione nazionale: partendo dunque dalla TARSU fino a giungere alla TARI, si tenta di dipanare una matassa costituita da decenni di riforme, querelle dottrinarie, ed interpretazioni contrastanti. Infine, ma non per importanza, si tenta di fornire delle pro- poste migliorative dell’attuale legislazione nazionale sulla base di un’analisi comparata di talune realtà nazionali virtuose in ambito europeo.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Antonino Nastasi Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 542 click dal 23/05/2017.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.