Skip to content

Analisi e riflessioni sulle tendenze dei consumi in Italia tra '800 e '900

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Pasotto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Giulio Ongaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

Nel mio elaborato finale ho scelto di affrontare la tematica dei consumi delle famiglie in Italia a cavallo tra '800 e '900. Partendo dall'assunto che «non si può conoscere il presente senza essere al corrente del passato», che ritengo essere una frase estremamente vera e motivo per cui ho voluto redigere una tesi di storia del commercio, ho cercato di approfondire quanto più possibile le questioni che hanno portato l'Italia a cambiare sé stessa negli anni a partire da dopo l'Unità, prendendo come parametro da esaminare i consumi delle famiglie italiane dell'epoca. Cercando di tracciare idealmente una linea che unisse i tre capitoli da me affrontati e seguendo quanto più fedelmente possibile «la regola delle cinque W» giornalistiche, ho voluto dimostrare come la cultura materiale legata ai consumi non sia una questione nuova, nata in questi anni, ma di come invece le merci abbiano avuto un ruolo fondamentale nei cambiamenti della società italiana da me presa in esame. Come primo punto ho deciso di soffermarmi sulla situazione politica dell'Italia del post Unità, focalizzando la mia attenzione su coloro i quali hanno preso dei provvedimenti destinati a cambiare per sempre il volto della Penisola. Personaggi storici, come Depretis, Crispi o Giovanni Giolitti, le cui decisioni sono ricadute su una nazione che stava entrando in ritardo nel periodo che gli storici definiscono come «Belle Époque»... [acquista per continuare a leggere]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Nel mio elaborato finale ho scelto di affrontare la tematica dei consumi delle famiglie in Italia a cavallo tra '800 e '900. Partendo dall'assunto che «non si può conoscere il presente senza essere al corrente del passato», che ritengo essere una frase estremamente vera e motivo per cui ho voluto redigere una tesi di storia del commercio, ho cercato di approfondire quanto piø possibile le questioni che hanno portato l'Italia a cambiare sØ stessa negli anni a partire da dopo l'Unità, prendendo come parametro da esaminare i consumi delle famiglie italiane dell'epoca. Cercando di tracciare idealmente una linea che unisse i tre capitoli da me affrontati e seguendo quanto piø fedelmente possibile «la regola delle cinque W» giornalistiche, ho voluto dimostrare come la cultura materiale legata ai consumi non sia una questione nuova, nata in questi anni, ma di come invece le merci abbiano avuto un ruolo fondamentale nei cambiamenti della società italiana da me presa in esame. Come primo punto ho deciso di soffermarmi sulla situazione politica dell'Italia del post Unità, focalizzando la mia attenzione su coloro i quali hanno preso dei provvedimenti destinati a cambiare per sempre il volto della Penisola. Personaggi storici, come Depretis, Crispi o Giovanni Giolitti, le cui decisioni sono ricadute su una nazione che stava entrando in ritardo nel periodo che gli storici definiscono come «Belle Époque». Un periodo certamente di grandi scoperte e innovazioni, ma anche anni che vedevano l'Italia di fatto spaccata a metà, con un Nord piø progredito e un Sud che basava la propria economia ancora su attività agricole. Da questa prima discrepanza, e dai differenti provvedimenti presi nel corso degli anni dai vari governi, passerò ad esaminare i diversi settori produttivi che vedevano coinvolte le famiglie italiane. Per fare maggiore chiarezza mi servirò anche di schemi e tabelle che mostrino piø chiaramente differenti tipi di dati, come il volume di produzione di alcuni settori o il consumo medio annuo di alcuni generi alimentari. Proprio partendo dai consumi alimentari si svilupperà il secondo capitolo, in cui saranno prese in esame le famiglie italiane secondo un altro termine di raffronto: la classe sociale di appartenenza. Come cercherò di dimostrare nel mio elaborato, il concetto di «consumo», inteso come l'uso di beni e servizi da parte di uno o piø individui, era strettamente legato allo status sociale: ciò che si consumava, dove e in che quantità, era sintomo di una società formata da soggetti che volevano affermare la propria appartenenza, in alcuni casi perchØ non poteva essere altrimenti, ad una determinata classe sociale. In questo modo si può verificare come il mais e i cibi da esso derivati fossero il «portabandiera» della classe contadina, o di come, al contrario, cibi d'importazione e spesso volutamente rappresentati con nomi stranieri, fossero di uso quotidiano per l'aristocrazia italiana d' inizio '900. A seguire, una parte del lavoro riguarderà l’analisi dei luoghi del 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi