Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione dell'efficacia del trattamento psicoterapeutico psicodinamico nei pazienti borderline

Il presente lavoro si è proposto di analizzare le evidenze empiriche relative all’efficacia delle psicoterapie psicodinamiche sul disturbo borderline di personalità. Si tratta di un disturbo complesso per la varietà sintomatologica, la multifattorialità eziopatogenetica e la frequente comorbilità con altri disturbi. Abbiamo esaminato cinque psicoterapie psicodinamiche manualizzate: Transference-Focused Therapy TFT (Kernberg, Yeomans, Clarkin, 1999), Mentalization-Based Therapy MBT (Bateman e Fonagy, 2004), Psychodynamic Interpersonal Therapy PIT (Guthrie, 1999), General Psychiatric Management GPM (Gunderson e Links, 2001), Dynamic Deconstructive Psychotherapy DDP (Gregory, 2010). La valutazione di efficacia delle stesse si è basata su 20 studi empirici disponibili, comprensivi di un campione di più di 1.100 pazienti. Sono state prese in esame anche psicoterapie manualizzate di matrice non psicodinamica, in particolare Dialectical Behavior Therapy DBT (Lineham, 1993) e Schema-Focused Therapy SFT (Young, 1999) perché oggetto dei principali compartivi (11 studi su un campione di circa 625 pazienti).
I diversi studi esaminati evidenziano maggiore efficacia, a 12-18 mesi di follow-up, dei trattamenti manualizzati specifici per il DBP, ma sono comunque migliorate su quasi tutti gli indici di out-come, sebbene in modo non parimenti significativo, anche le condizioni dei pazienti con TAU. Ciò avvalora quanto evidenziato dalle Linee Guida dell’APA (APA, 2001) che indicano la psicoterapia come trattamento d’elezione per il DBP.
Le psicoterapie psicodinamiche rispetto alle terapie di altra matrice sembrano avere il vantaggio di generare mutamenti a livello strutturale, che portano a stabilità nel tempo del miglioramento sintomatologico, sebbene al momento non ci siano ancora sufficienti evidenze empiriche.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il presente lavoro si propone di analizzare le evidenze empiriche relative all’efficacia delle psicoterapie psicodinamiche sul disturbo borderline di personalità. Il primo capitolo introduce le complessità legate alla definizione del concetto di borderline. Viene effettuata una rapida panoramica relativa alle principali teorie eziopatogenetiche del disturbo, evidenziandone la multi- fattorialità: conflitti pulsionali irrisolti e scissione (Kernberg, 1975), iper- coinvolgimento materno conflittuale (Mahler, 1975, Masterson e Rinsley, 1975), trascuratezza da parte del care-giver (Adler, 1985), dissociazione (Meares, 2014), deficit metacognitivo (Fonagy, 1999), disregolazione emotiva (Linhem, 1999), ambiente invalidante (Paris, 1999), credenze patogene (Beck, 1990). A seguire viene illustrato il percorso storico che ha portato all’attuale definizione nosografica del disturbo borderline, come oggi descritto nel DSM 5. Si presenta inoltre il significato attribuito al termine non come categoria nosografica a sé stante, bensì come organizzazione di personalità (Kernberg, 1975) nell’accezione focalizzata sugli aspetti di funzionamento utilizzata nel PDM per diagnosticare i disturbi di personalità. Vengono inoltre passati in rassegna i principali strumenti diagnostici per individuare il disturbo, alcune scale specifiche per misurare particolari aspetti sintomatologici del disturbo ed infine gli strumenti specifici di diagnosi del DBP. Il secondo capitolo prende in esame le principali psicoterapie psicodinamiche manualizzate per la cura del DBP, illustrandone le caratteristiche specifiche nonché gli aspetti comuni e le differenze principali. In particolare, le terapie trattate sono: Transference-Focused Therapy - TFT (Kernberg, Yeomans, Clarkin, 1999), Mentalization-Based Therapy – MBT (Bateman e Fonagy, 2004), Psychodynamic Interpersonal Therapy - PIT (Guthrie, 1999), General Psychiatric Management - GPM (Gunderson e Links, 2001), Dynamic Deconstructive Psychotherapy - DDP (Gregory, 2010). Sono inoltre descritte altre psicoterapie non di matrice psicodinamica specifiche per il DBP perché utlizzate in RCT comparativi sull’efficacia delle psicoterapie

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Giulia Staderini Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 341 click dal 08/06/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.