Skip to content

Major digitali - Dopo Napster: strategie e modelli dell'industria discografica. Case Hystory: EMI music group

Informazioni tesi

  Autore: Riccardo Chiattelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Alberto Marinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 236

Conflitti di interesse e diversità di punti di vista si manifestano negli scontri tra i soggetti coinvolti nello sviluppo di Internet e di tutto ciò che riguarda il territorio delle interconnessioni digitali.
Si scontrano due anime culturali, quella dei movimenti sociali che si fanno portatori di una cybercultura mirata allo scambio e alla condivisione di saperi, alle nuove forme di cooperazione e di creazione collettiva e quella di industriali e mondo finanziario con una visione mercantile della Rete, quale supermercato planetario e televisione interattiva.
In particolare, molto interessate alle strategie sinergiche di distribuzione dei contenuti sulla Rete sono proprio le industrie della comunicazione e dell’intrattenimento. La Rete – negli scenari e nelle strategie immaginate dai manager più lungimiranti -può svilupparsi come una sorta di banca dati universale, accessibile a pagamento per ogni tipo di informazione e contenuto digitale.
Lo scenario economico globale che fa da sfondo a questi cambiamenti, inoltre, vede l’affermazione dell’economia dell’Entertainment e, al suo interno, di un mercato content-oriented, che mira a soddisfare le richiesta di esperienze reali e digitali proveniente dal pubblico di massa.
La musica, principale e pervasivo intrattenimento di massa, trova all’interno di questa realtà digitale il luogo di amplificazione della dicotomia tra la gestione del settore detenuta dai grandi capitali finanziari e commerciali e quella che privilegia la creatività, l’immaginazione, la riscoperta dello scambio e dell’accesso apparentemente gratuito all’intero patrimonio sonoro mondiale. Se la musica come forma artistica usufruisce delle potenzialità del digitale nei processi creativi di composizione e manipolazione dei suoni, come forma di comunicazione mediale controllata dalle corporation internazionali, invece, essa subisce l’innovazione tecnologica ed i cambiamenti nei modelli di business e nelle strutture di gestione, produzione e distribuzione che caratterizzano l’affermazione dell’economia dell’intrattenimento e del capitalismo culturale in questi nostri anni recenti.
Il fenomeno Napster ha rappresentato l’elemento di rottura che ha avviato la vera “rivoluzione” dell’industria discografica e probabilmente di gran parte della futura economia digitale. Esulando dall’ambito strettamente musicale, ha catapultato nelle coscienze popolari le tematiche legate alla distribuzione dei contenuti digitali online ed ha costretto l’industria dell’entertainment e dei media a riflettere consapevolmente di fronte ai mutamenti prodotti, proponendosi con modelli e strategie strutturate sulle specifiche tecnologie Internet .
Così la nuova industria discografica, con le sue dinamiche, si propone come lente di ingrandimento per analizzare i nuovi processi di organizzazione e gestione che coinvolgono le imprese di media e come cartina tornasole per comprendere le logiche economiche e socio-culturali che mutano con l'estendersi del panorama digitale della Rete.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Conflitti di interesse e diversità di punti di vista si manifestano negli scontri tra i soggetti coinvolti nello sviluppo di Internet e di tutto ciò che riguarda il territorio delle interconnessioni digitali: gli stati si affrontano per non perdere sovranità e controllo politico, sociale ed economico; gli industriali dell’ ICT si contendono la leadership nel controllo dei flussi di informazioni digitali sulla Rete; gli studiosi e i filosofi si interrogano sul futuro e gli sviluppi socio-culturali che tale ambiente porta con sé. Ma soprattutto si scontrano due anime culturali, quella dei movimenti sociali che si fanno portatori di una cybercultura mirata allo scambio e alla condivisione di saperi, alle nuove forme di cooperazione e di creazione collettiva e quella di industriali e mondo finanziario con una visione puramente mercantile della Rete, quale supermercato planetario e televisione interattiva. Il punto di vista ideologico, alimentato da descrizioni e interpretazioni autoprodotte all’interno dello stesso World Wide Web, vede questa realtà come l’ambiente dove poter coniugare le immaginazioni e le intelligenze della popolazione umana, mettendole al servizio dello sviluppo e dell’emancipazione del nostro genere umano. Knowledge sharing, content sharing, file sharing: la condivisione e lo scambio di informazioni digitali sono le condizioni imprescindibilmente legate all’interconnessione mondiale tra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi