Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il lavoro economicamente dipendente: riconoscimenti e prospettive

Com'è noto nel mercato del lavoro opera una categoria di lavoratori che non possono essere definiti né subordinati né autonomi nel senso classico dei termini: sono i lavoratori parasubordinati o economicamente dipendenti, i quali, sono dei lavoratori autonomi però di fatto prestano la propria attività nei confronti di un solo cliente/committente e dunque in regime di subordinazione quasi totale, ma siccome in via generale restano dei lavoratori autonomi, in molti Stati che non riconoscono giuridicamente la suddetta categoria, restano esclusi da molte tutele proprie dei lavoratori subordinati.
Questo lavoro di tesi analizza la situazione di detti lavoratori in chiave europea ed in chiave nazionale, sia normativa sia giurisprudenziale, attraverso una sentenza della Corte di Giustizia, e, procede con una analisi del recentissimo ddl riguardante lo Statuto del Lavoro autonomo e lo Smart Working (lavoro agile).

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il mercato del lavoro è da sempre caratterizzato da una categoria di lavoratori che occupano una terra di confine tra il lavoro autonomo e il lavoro subordinato: si tratta dei lavoratori parasubordinati o economicamente dipendenti i quali, pur operando quasi a tutti gli effetti come subordinati, restano, nella realtà, autonomi, essendo esclusi da molte tutele proprie dei primi; sulla soglia della subordinazione, senza mai varcarla. La dottrina italiana ha elaborato il concetto di parasubordinazione con riferimento ai collaboratori coordinati e continuativi, di cui all’art. 409, n. 3, c.p.c., e successivamente, al contratto a progetto, di cui agli art. 61 e ss. del d. lgs. 273/2006, oggi peraltro in esaurimento. Questo lavoro di tesi ha ad oggetto la condizione in cui detti lavoratori si trovano dal punto di vista della disciplina formale, dapprima in un’ottica europea e successivamente in chiave nazionale, terminando con un’analisi su recenti tentativi di riforma riguardanti i lavoratori autonomi ed i lavoratori subordinati che prestano la propria attività in modalità smart. L’attenzione europea per suddetta categoria di lavoratori, analizzata nel Capitolo I, è rinvenibile sia in un parere del Comitato Economico

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cecilia Virgilio Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 166 click dal 18/07/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.