Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno ''ITANGLESE''

Il presente elaborato ha come obiettivo l’analisi del rapporto tra inglese e italiano, con particolare attenzione per l’itanglese, ovvero la lingua italiana caratterizzata dall’uso frequente (e spesso inappropriato) di lemmi inglesi. La principale causa del fenomeno itanglese, è l’estremo incremento di anglicismi nel vocabolario italiano a partire dal boom economico del dopoguerra. Questo incremento è dovuto a motivi di differente natura. Per quanto riguarda il periodo storico, il rapporto tra la lingua italiana e inglese è mutato nel corso del tempo. Nel Medioevo il contatto fra le due lingue era dovuto principalmente agli scambi commerciali; successivamente, nel Cinquecento, i prestiti riguardavano perlopiù la realtà socio-politica ed erano presenti quasi esclusivamente nella lingua scritta. Tra il Seicento e il Settecento, la lingua inglese venne mediata dal francese che, in questo periodo storico, conobbe un grande prestigio in Italia. Il ruolo della Francia verrà rimpiazzato nell’Ottocento dall’Inghilterra e nel Novecento – fino ad oggi – dall’America. L’incremento delle parole angloamericane nel periodo post-bellico può essere visto come un forte distacco dal Fascismo che proibiva, attraverso leggi puriste, l’uso di forestierismi, persino quelli più diffusi nel parlato quotidiano come bar, sport, show, film, … inoltre, dopo la Seconda Guerra Mondiale, l’influenza dell’America, la potenza vincitrice, divenne sempre più forte ed entrò nella vita degli italiani, insieme alle parole anglo-americane. Queste ultime erano sinonimo di benessere, ricchezza e spensieratezza, e vennero ben presto usate dai media, dai giornali e dalle imprese pubblicitarie per attirare l’attenzione dei cittadini sulle notizie e sui prodotti in commercio. Oggigiorno gli anglicismi vengono utilizzati in grande quantità anche dal Governo e dai politici, sia per dare l’impressione di un reale cambiamento, che per diffondere notizie a livello internazionale sui social network. Il settore di internet e dell’informatica in generale, infatti, è quello che abbonda maggiormente di anglicismi, per via di tecnicismi e neologismi dovuti al progressivo sviluppo tecnologico dell’Italia, sulla scia dell’America.
Il gran numero di parole di origine latina presenti in inglese e la somiglianza tra le due lingue, ne ha permesso l’influenza e l’interferenza, dando origine a calchi e prestiti di varia natura. L’influenza psicologica è dovuta al fascino che ha tutto ciò che è straniero ai nostri occhi, soprattutto ciò che è americano, perché richiama nella nostra mente un’idea di vittoria e di prestigio. Le parole inglesi riescono ad essere più suggestive: talvolta richiamano uno stile di vita più elegante e raffinato (cocktail al posto di ‘bibita’, shopping invece di ‘spesa’…), talvolta conferiscono maggiore efficienza alle parole (manager invece di ‘dirigente’, killer al posto di ‘assassino’, …). Inoltre, la proprietà sintetica dell’inglese permette una comunicazione breve e immediata, laddove un corrispettivo italiano comporterebbe la perdita di essenzialità. Spesso e (mal)volentieri, però, gli anglicismi vengono usati in modo snobistico da italiani che conoscono a malapena la lingua inglese, e che la usano a sproposito, credendosi ‘alla moda’. L’incremento costante degli anglicismi in Italia ha richiamato l’attenzione di linguisti e studiosi, che si sono schierati in due posizioni opposte. Da un lato, a favore – o meglio, non a sfavore – della consistente presenza di inglesismi vi sono i descrittivisti. Dall’altro lato, contro le parole alloglotte si schierano i protezionisti. I primi, vedono l’inglese come fonte di ricchezza e innovazione per l’italiano. I secondi, al contrario, credono che possa portare al deterioramento e all’imbarbarimento della lingua di Dante. Il problema, come suggeriscono Tullio de Mauro, Annamaria Testa, Michele Pellinazzi e altri, non sta negli anglicismi in senso stretto, ma nell’abuso della lingua inglese a sfavore della chiarezza e della semplicità comunicativa della lingua italiana. Non bisogna assumere un atteggiamento puristico nei confronti delle parole alloglotte, ovvero cercare di rimpiazzare qualsiasi termine inglese con un corrispettivo italiano; bisogna, piuttosto, usare i termini inglesi con cura, quando e se necessari, senza compromettere la comprensione del messaggio e senza cadere in un itanglese goffo e scorretto, dimostrando l’amore per la propria lingua e il rispetto per le altre.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’oggetto di questo elaborato è l’influenza dell’inglese sulla lingua italiana e, in particolare, l’itanglese ovvero, come definito nel Grande Dizionario della Lingua Italiana di Aldo Gabrielli, la “lingua italiana usata in certi contesti e ambienti, caratterizzata da un ricorso frequente e arbitrario a termini e locuzioni inglesi” 1 . Le motivazioni alla base dello studio di questo determinato tema sono principalmente due. In primo luogo, leggendo diversi articoli, sono venuta a conoscenza del fatto che, secondo il Ministero degli affari esteri, l’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo 2 . Questo vuol dire che siamo sempre più amati e apprezzati dagli stranieri, che studiano italiano non per fini economici o lavorativi, bensì per amore della nostra lingua, cultura, arte, cibo e architettura. E allora, perché ogni giorno, in TV, alla radio e ovunque ci troviamo, udiamo persone utilizzare esotismi (spesso a sproposito), in particolare inglesi? Perché molti prodotti italiani vengono pubblicizzati con slogan inglesi? Perché pensiamo che l’inglese sia più ’affascinante’ della nostra lingua? Perché all’estero amano il bel paese più di quanto lo amiamo noi? Esiste un nome a questo fenomeno? Da cosa ha avuto origine? Per cercare di rispondere a tutte queste – e altre – domande, ho cominciato a fare delle ricerche e ho scoperto che questo fenomeno è chiamato in diversi modi: itanglese, itangliano, italiese, itanglish ecc. Per questa tesi, sceglierò, per semplicità, di chiamarlo sempre itanglese, come fece Annamaria Testa nella sua petizione #dilloinitaliano su change.org e nel video che fu, per me, oggetto di ispirazione e di stimolo per decidere di trasformare la curiosità e l’interesse per questo argomento in una vera e propria tesi di laurea. Il video si intitola “From Bello to biutiful: what’s going on with the Italian Language? 3 ” e venne pubblicato sul canale Youtube di TedxMilano, il 4 maggio 2015. La presente tesi di laurea è suddivisa in due capitoli: il primo, intitolato, “L’itanglese”, e il secondo “Vantaggi e limiti dell’itanglese”. Il primo capitolo è diviso in 1 A. Gabrielli, Grande Dizionario della Lingua italiana, Ulrico Hoepli, Milano, 2008. 2 Fonte: M. Gasperetti (Corriere della Sera), L’italiano è la quarta lingua più studiata nel mondo. Disponibile da: http://www.corriere.it/scuola/14_giugno_16/dante-pizza-italiano-quarta-lingua-piu-studiata-mondo-4edfb4fe- f57a-11e3-ac9a-521682d84f63.shtml. Un articolo sullo stesso tema è stato pubblicato anche su La Repubblica, su altri quotidiani e blog. 3 “From Bello to biutiful: what’s going on with the Italian Language? Video disponibile da: https://www.youtube.com/watch?v=Wr2YJoQeYsE.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Arianna Di Nardo Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1494 click dal 30/06/2017.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.