Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi d'impresa e le procedure concorsuali

La tesi prende in considerazione le procedure concorsuali maggiormente diffuse analizzando le modifiche operate da legislatore negli ultimi anni attraverso varie riforme in materia fallimentare. Il lavoro parte da un'analisi approfondita del fallimento, per poi passare al concordato preventivo (inclusi quello con riserva e continuità aziendale), per poi chiedere con gli accordi di ristrutturazione del debito. Vengono inoltre approfondite le modifiche apportate dal DL 83/2015.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Sono essenzialmente due i motivi che mi hanno spinto a chiudere il mio percorso universitario magistrale con una tesi di laurea sulle procedure concorsuali. La prima motivazione presenta un carattere strettamente personale legato alle possibilità professionali future che potranno aprirsi anche grazie a questi studi. La grande crisi globale che a partire dal 2007 sta mettendo in seria difficoltà le economie di tanti Paesi, ha completamente rivoluzionato lo scenario delle imprese italiane che sino ad allora godevano di una discreta salute. I dati delle Camere di Commercio evidenziano un aumento esponenziale delle imprese interessate da procedure concorsuali che, quindi, necessitano del supporto di professionisti che le accompagnino in un percorso di risanamento e di rilancio sul mercato. Inoltre è attualmente al vaglio del Parlamento una ulteriore riforma delle procedure concorsuali che prevede, tra le varie modifiche da apportare alla Legge Fallimentare, l’introduzione di una nuova figura nelle società a responsabilità limitata sinora non obbligate alla nomina di un organo di controllo 1 . Il compito del professionista, previsto da questa bozza di riforma, dovrebbe essere quello di prevenire lo stato di crisi dell’impresa effettuando un controllo periodico sui conti e sulla gestione così da segnalare agli organi amministrativi eventuali anomalie che potrebbero causare uno squilibrio economico-finanziario. La seconda è, invece, una motivazione che deriva da una convinzione personale, supportata tra l’altro sia dall’origine greca della parola crisi che dal nuovo indirizzo che il legislatore ha voluto attribuire alla normativa in materia concorsuale, riprendendo inoltre le indicazioni 1 Ne parla “Il Sole 24 ore” il 6 Marzo 2017 nell’articolo online intitolato “Chance per 175mila controllori nelle srl”.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Clemente Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1349 click dal 07/07/2017.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.