Skip to content

Le ceramiche comuni di alcuni contesti chiusi del Saggio I di Ferento

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Mangione
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Carlo Pavolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 344

Il Saggio I del sito di Ferento, collocato a Nord del Decumano e a Nord-Est del Teatro, oggetto dal 1994 al 2004 di scavi sistematici da parte dell’Università della Tuscia di Viterbo, contiene una serie di cavità ipogeiche scavate direttamente nel terreno vergine destinate alla captazione dell’acqua piovana, e inserite, dal punto di vista stratigrafico, nella fase repubblicana.
Questo lavoro si propone di dare un contributo alla conoscenza delle tipologie e delle forme in ceramica comune (da fuoco, da mensa e da dispensa) che circolavano a Ferento nel periodo romano attraverso la compilazione di un catalogo dei tipi da me individuati e attestati negli strati di riempimento di quattro dei contesti sopra citati.
Il materiale preso in esame, conteggiato e catalogato seguendo i criteri indicati dalle Norme per la redazione delle schede SAS, viene presentato all’interno dei singoli contesti di provenienza, e inserito in apposite tabelle adattate sul modello della medesima scheda SAS, con l’aggiunta di un’ulteriore voce riferita al gruppo funzionale di appartenenza e indicata con apposite sigle.
In queste tabelle non verrà presa in considerazione la voce sugli impasti: una scelta, questa, dettata dalla volontà di privilegiare, in questa sede, un’analisi del materiale sotto il solo profilo formale, senza quindi entrare nel merito di valutazioni archeometriche, lasciate al vaglio di studi futuri. Gli impasti sono invece menzionati, ma solo con accenni a livello di osservazione macroscopica, nelle schede che compongono il catalogo.
Il catalogo delle forme e dei tipi è composto infatti da schede all’interno delle quali, oltre ai dati relativi all’esemplare a cui fa riferimento il disegno scelto, tipo per tipo, come più rappresentativo, e quindi riprodotto graficamente (Tav., N. inv., N.esemplari e Misure), sono riportati, nella voce Osservazione e confronti bibliografici, i paralleli individuati mediante uno spoglio bibliografico il più possibile completo, e in Attestazioni i contesti selezionati del Saggio I di Ferento in cui il dato tipo compare, permettendo così una lettura incrociata con i dati riportati dalle tabelle.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 Romagnoli 2006, p. 59 e ss. I ntro duzio ne L’a nti co a bi ta to di Ferento sorge a 8 Km ci rca a Nord di Vi terbo e si svi luppa sulla som m i tà di un pi a noro tufa ceo di form a a llunga ta e pressoché tri a ngola re, con ori enta m ento Est-Ovest, com preso fra i l fosso dell’A cqua rossa a Sud e i l fosso del Gua z z a rella a Nord 1 . fig. 1. Ferento. L’area dell’abitato antico di Ferento (in grigio) e il suo territorio (da Romagnoli 2007, p. 59, fig.14). Da l 19 9 4 a oggi i l si to è oggetto di sca vi si stem a ti ci da pa rte del Di pa rti m ento di Sci enz e A nti che della Fa coltà di Beni Cultura li dell’Uni versi tà della Tusci a (cfr. p. 15). Il presente la voro ha com e obi etti vo lo studi o, sotto i l profi lo form a le, delle cera m i che com uni proveni ente da i ri em pi m enti di a lcuni dei contesti “chi usi ”

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]online.it

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ferento
ceramica comune romana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi