Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Growth Hacking: Il nuovo mindset del Marketing

Il presente lavoro, è un’idea “personale”, che prende forma attraverso un elaborato, basato su una passione, il marketing, o meglio, una nuova forma di marketing che per la prima volta prova verosimilmente a dare “misura” ad una scienza, che fino a poco tempo fa, non poteva essere quantificata.
Lo scopo del mio saggio è quello di chiarire, il più possibile, il concetto di Growth Hacking, che attualmente in Italia si presenta in una fase evolutiva. Per questo motivo ho deciso di affrontare in maniera espositiva e descrittiva tutte quelle che sono le caratteristiche di tale fenomeno e della relativa professionalità che ne deriva, ovvero quella del Growth Hacker, il quale si trova ad affrontare un contesto competitivo veloce e innovativo, soprattutto nel contesto startup.
Proprio per questo motivo, il fenomeno verrà esaminato, nella prima parte dell’elaborato, dalla sua nascita alla sua evoluzione. Verranno presentati, inoltre, esempi chiave di grandi imprese digitali odierne, che attribuiscono la loro crescita esponenziale ad un proficuo utilizzo del Growth Hacking, inteso come processo di sperimentazione user-centered al fine di ricercare la metodologia più efficiente ed efficace che possa permettere la crescita del modello di business.
Presenterò, inoltre, talune caratteristiche e principi del Growth Hacking, al fine di esplicare al meglio un mindset che fonda le proprie origini in approcci e strumenti pre-esistenti e dai quali ne trae forza e ne organizza il suo processo.
Nello specifico, metterò a confronto il marketing tradizionale con il Growth Hacking, il quale pur nascendo come contro cultura al primo, si propone di colmarne le relative lacune strutturali. Attraverso il “case study” Coca-Cola evidenzierò come tale fenomeno, stia assumendo un ruolo di notevole importanza anche nel panorama delle multinazionali.
Concluderò portando la reale testimonianza di due autorevoli Growth Hacker italiani, i quali attraverso la mia intervista esporranno il loro giudizio circa lo stato attuale del Growth Hacking in Italia, le sue possibile evoluzione ed i relativi impieghi professionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il presente lavoro, è un’idea “personale”, che prende forma attraverso un elaborato, basato su una passione, il marketing, o meglio, una nuova forma di marketing che per la prima volta prova verosimilmente a dare “misura” ad una scienza, che fino a poco tempo fa, non poteva essere quantificata. Lo scopo del mio saggio è quello di chiarire, il più possibile, il concetto di Growth Hacking, che attualmente in Italia si presenta in una fase evolutiva. Per questo motivo ho deciso di affrontare in maniera espositiva e descrittiva tutte quelle che sono le caratteristiche di tale fenomeno e della relativa professionalità che ne deriva, ovvero quella del Growth Hacker, il quale si trova ad affrontare un contesto competitivo veloce e innovativo, soprattutto nel contesto startup. Proprio per questo motivo, il fenomeno verrà esaminato, nella prima parte dell’elaborato, dalla sua nascita alla sua evoluzione. Verranno presentati, inoltre, esempi chiave di grandi imprese digitali odierne, che attribuiscono la loro crescita esponenziale ad un proficuo utilizzo del Growth Hacking, inteso come processo di sperimentazione user-centered al fine di ricercare la metodologia più efficiente ed efficace che possa permettere la crescita del modello di business. Presenterò, inoltre, talune caratteristiche e principi del Growth Hacking, al fine di esplicare al meglio un mindset che fonda le proprie origini in approcci e strumenti pre- esistenti e dai quali ne trae forza e ne organizza il suo processo. Nello specifico, metterò a confronto il marketing tradizionale con il Growth Hacking, il quale pur nascendo come contro cultura al primo, si propone di colmarne le relative lacune strutturali. Attraverso il “case study” Coca-Cola evidenzierò come tale fenomeno, stia assumendo un ruolo di notevole importanza anche nel panorama delle multinazionali. Concluderò portando la reale testimonianza di due autorevoli Growth Hacker italiani, i quali attraverso la mia intervista esporranno il loro giudizio circa lo stato attuale del Growth Hacking in Italia, le sue possibile evoluzione ed i relativi impieghi professionali.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Coppola Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1036 click dal 01/09/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.