Skip to content

Assistenza Infermieristica nella Traumatologia del Legamento Crociato Anteriore

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Brusini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Patrizia Nicolini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

La mobilità è un concetto fondamentale, il dizionario fornisce come definizione: “qualità di ciò che può essere mosso o è capace di muoversi; qualità di ciò che si muove facilmente; mobilità ridotta si dice di chi ha difficoltà a camminare”. La compromissione della mobilità è infatti un problema molto sentito dalla persona, in questo campo l’infermiere deve lavorare per assicurare all’assistito la miglior assistenza e supporto verso l’accettazione di una condizione che, se cronica, spesso risulta essere invalidante con eventuali ricadute anche a livello psicologico. Questa è una complicanza abbastanza evidente della rottura del Legamento Crociato Anteriore del ginocchio, che riduce la capacità di mobilità e preclude molti movimenti in una persona. Inoltre questo tipo di trattamento riguarda un individuo essenzialmente sano, che ha come aspettative la ripresa della vita quotidiana in maniera simile a prima che avvenisse il problema.
In questa tesi verrà inizialmente esposta una presentazione generale dell’anatomia del ginocchio, della funzione del Legamento Crociato Anteriore e dell’epidemiologia del trauma di quest’ultimo; si discuterà inoltre sui fattori di rischio e sulla possibilità di prevenzione da trauma. Si continuerà con la spiegazione dei possibili tipi di traumi che possono accadere, con la delucidazione dei trattamenti e di come si affronta la situazione in caso di trauma infantile.
Nel capitolo successivo si amplierà il discorso sulle tematiche relative all’ospedalizzazione: il ricovero e l’ammissione prima in Pronto Soccorso e successivamente in reparto, i trattamenti che si operano in base al paziente (età, fattori di rischio,…), la fase preoperatoria, intraoperatoria e postoperatoria nei casi in cui è necessario l’intervento chirurgico, e infine la riabilitazione.
Nell’ultimo capitolo si andrà in fondo all’ambito dell’assistenza infermieristica: verrà presentato un piano di assistenza, relativo ad un ipotetico paziente che deve recuperare la totale mobilità per proseguire l’attività sportiva (agonistica e non), con relativa analisi dello stesso piano assistenziale dal punto di vista preoperatorio e postoperatorio. In fondo alla tesi sono inseriti i dati di interventi di ricostruzione di legamento crociato anteriore dell’ospedale di Sassuolo, per mostrare l'incidenza di questo tipo di infortunio in una piccola realtà ospedaliera.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
11 1.3 EPIDEMIOLOGIA ED EZIOLOGIA NELLE LESIONI TRAUMATICHE DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE Attraverso metodiche di cinematografia prima e studi dinamici poi si sono riuscite a determinare le forze che agiscono sul ginocchio da fermo in piedi, nel cammino, nella corsa e nel fare le scale. Nel fare le scale è stato calcolato un massimale di circa 1,5 volte il peso corporeo. Nella corsa l’impatto a terra del piede, il peso e la trasmissione della spinta dell’arto inferiore all’appoggio digitale vengono tutti assorbiti attraverso le articolazioni del corpo, soprattutto da ginocchio e caviglia. Nel gioco del calcio, il valore in Nm della forza del ginocchio in flessione e in estensione nel calciare crea valori fino a 5 volte superiori all’appoggio del tallone a terra nel cammino. Nel salto il ginocchio ha il massimo dispendio energetico rispetto alle altre articolazioni, sia nel salto a una gamba (pallacanestro, salto in alto, …) che nel salto a due (pallavolo). La forza di gravità inoltre non agisce a ginocchio completamento eretto, ma nella flessione (corsa), e cade dietro l’asse articolare. Questi dati e queste considerazioni devono essere presi in considerazione dal momento che si analizza la traumatologia di un ginocchio nell’attività sportiva. Lo stress causato appunto dall’attività crea le condizioni ideali per un trauma, quali danni ai legamenti crociati e collaterali, al menisco o all’impianto articolare 5 . Figure 3 Avulsion fracture of tibial spine. A 20-year-old man suffered knee injury during a football match. A: Lateral radiograph of the knee shows a displaced avulsion fracture of the anterior cruciate ligament (black arrow) at the anterior intercondylar eminence of tibia. The fracture fragment is completely elevated from the native bone. Increased soft tissue opacity in the suprapatellar pouch (white arrows) and infrapatellar pouch (white arrowheads) is in keeping with haemarthrosis; B: Reformatted sagittal computed tomography image of the same patient through the mid tibial plateau shows a displaced avulsion fracture of the tibial intercondylar eminence (white arrow). 5 Biomeccanica del Movimento Umano, Williams e Lissner, Barney F. LeVeau

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lca
legamento crociato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi