Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giuseppe Gorani e il suo ''Projèt d'une Constitution Rèpublicaine pour le Milanez (1792-1798)''

La tesi ricostruisce l'emergere del pensiero costituzionale repubblicano-moderato nell'Italia giacobina del triennio rivoluzionario, attraverso l'analisi del piano di costituzione democratica steso tra 1792 e 1798 dal conte milanese Giuseppe Gorani.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1.Introduzione 1.1. Come tutti i letterati e intellettuali europei della sua generazione – nati all'incirca verso la metà del secolo XVIII – Giuseppe Gorani ebbe la fortuna di muoversi in tempi interessanti e si trovò a vivere <<come tre vite in una sola>>, per riprendere la felice espressione coniata da René de Chateaubriand: l'Antico Regime, la Rivoluzione, la Restaurazione. L'evoluzione degli ideali politici di questo riformatore milanese formatosi nell’età dei Lumi si dipana in visibile sintonia cronologica con le grandi scansioni della storia politico- istituzionale dell'Europa tardo illuministica, di modo che l'appartenenza culturale della sua opera al contesto del pensiero politico settecentesco può essere valutata soprattutto analizzandone le complessa stratificazione ideologica. La parabola umana e formativa di Gorani si apre infatti con l'età del dispotismo illuminato e del riformismo dinastico, si protende verso il costituzionalismo e il repubblicanesimo negli anni della Rivoluzione francese e dell'apprendistato alla Repubblica, e ripiega – nel tratto discendente dell'età senile e in coincidenza con la fine dell’avventura imperiale bonapartista – verso il rimpianto per un sistema misto di democrazia e aristocrazia, animato da un ordine nobiliare nuovo, purificato e perfezionato. Viaggiatore, uomo di corte, diplomatico, memorialista e filosofo, il Gorani ebbe esperienza dei grandi temi del dibattito politico del suo tempo sia sul piano dell'azione che sul piano delle idee; approdato al mestiere di letterato piuttosto tardi e più per esclusione o fallimento di altre forme di carriera che per innata vocazione (l’anno d’esordio è il 1770, con la pubblicazione dell’opera prima Il vero dispotismo), egli divise da quel momento

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Mazzoleni Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1365 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.