Skip to content

Appunti per un'analisi dell'ambientazione in Werner Herzog

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Sabatini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Loretta Guerrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Questa tesi si propone, dopo aver ripercorso i punti salienti della carriera del noto regista tedesco, di offrire spunti di riflessione sui principali film analizzando il linguaggio cinematografico che passa attraverso l'ambientazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa In effetti da un po’ di tempo a questa parte ho la tentazione di aprire una scuola di cinema. Ma qualora ne aprissi una, ti sarebbe concesso compilare il modulo di iscrizione solo nel caso in cui tu avessi viaggiato da solo a piedi, diciamo da Madrid a Kiev, coprendo una distanza di cinquemila chilometri. Mentre cammini dovresti scrivere delle tue esperienze e poi dovresti darmi i tuoi taccuini. Sarei in grado di capire chi ha veramente percorso a piedi la distanza e chi no. Viaggiando a piedi avresti la possibilità di imparare molto di più sul fare cinema che stando chiuso in una classe. Durante il viaggio potresti capire cosa ti riserva il tuo futuro meglio che nel corso di cinque anni in una scuola di cinema. La tua esperienza sarebbe proprio l’opposto di una conoscenza accademica, perché l’accademia è la morte del cinema. È l’esatto contrario della passione. […] La mia scuola consentirebbe a dei giovani che vogliono cimentarsi nella regia di fare esperienza di un certo clima di eccitazione interiore. Questo, e nient’altro, è ciò che crea il film 1 . In questo modo, Werner Herzog parla delle scuole di cinema. Idee condivisibili o meno, ma senza dubbio il punto di vista è affascinante. Ciò a cui si riferisce il regista va letto in riferimento ad esperienze di vita: Herzog, nella lunga intervista rilasciata a Paul Cronin, che prende il titolo di Incontri alla fine del mondo. Conversazioni tra cinema e vita, dice che, in passato, ha solamente “letto sull’enciclopedia la quindicina di pagine relative alla realizzazione dei film” 2 e da questo ha appreso tutto il necessario per iniziare la sua carriera. Inoltre, invita all’atto artistico pulito dalle strutture che costruiamo durante un percorso di studi. Anche se il regista ha ceduto alla tentazione di insegnare a giovani cineasti, lo ha fatto comunque a modo suo. I suoi seminari, che vanno sotto il nome di Rogue Film School, non sono per deboli di cuore ma per quelli che hanno un fuoco dentro e che hanno un sogno 3 . Per quanto mi concerne, mi sento di utilizzare la stessa argomentazione riguardo lo studio stesso del cinema e non solo in riferimento alla sua creazione. Lo studio del cinema, senza dubbio, ci arricchisce enormemente e riesce a farci apprezzare cose che, probabilmente, uno spettatore “nella media” non riuscirebbe a cogliere o comprendere. Uno studioso o solamente un appassionato di cinema, però, si “trasforma” senza rendersene conto. Cambia il proprio modo di vedere e percepire i film a causa di una saturazione dello sguardo derivante dall’intreccio delle nostre esperienze e, maggiormente, dei nostri studi. Cristopher Vogler con 1 Werner Herzog, Paul Cronin (a cura di), Francesco Cattaneo (ed. italiana a cura di), Incontri alla fine del mondo. Conversazioni tra cinema e vita, Roma, Minimum Fax, 2009, pp. 32-33. 2 Ivi, p. 31. 3 L’informazione è tratta dal sito ufficiale di Werner Herzog. http://www.wernerherzog.com/index.php?id=38, visionato il 5 febbraio 2014. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi