Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'influenza dell'arte africana nel primo novecento francese

Tesi che riguarda sia una parte antropologica che di storia dell'arte contemporanea.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Arte Primitiva Durante il XIX secolo, prendendo spunto dagli Stati Uniti, cominciano a prendere forma sul territorio europeo i primi musei etnografici ( da “etnografia” studio dei popoli della terra) e antropologici (da “antropologia” studio dell’uomo e dei suoi comportamenti). Un primo fattore di questo sviluppo è dovuto indubbiamente all’ espansione degli esploratori e viaggiatori che, al ritorno delle loro spedizioni ,riportano molti prodotti “arcaici”, nonché dalla nascita dell’antropologia come studio dettato da regole sul territorio. Nei secoli precedenti la meta prediletta dei viaggiatori-studiosi è l’Italia, dove al contatto con nuovi popoli, essi trovano inedite impressioni che poi vengono trasferite e descritte nei loro mirabili diari di viaggio. In questo periodo, al contrario, gli eruditi e gli scienziati modificano le loro mete verso territori sempre più lontani ed esotici. Non si tratta più di descrivere le sensazioni nei suddetti quaderni ma, si raccolgono direttamente i manufatti come testimonianze tangibili del viaggio. Un secondo fattore, è l’improvviso interesse degli artisti occidentali d’avanguardia per detti manufatti o “objets savauges” ( oggetti selvaggi) provenienti dall’Africa, Oceania e Americhe. Questo interesse si manifesta soprattutto in Europa a cavallo tra i due secoli. L’artista, travolto dalla modernità e dal progresso che lo sta portando verso l’alienazione, si rivolge a quelle culture che ancora posseggono libertà e principi che oltrepassano la società “ipocrita” del periodo. Artisti come Gauguin, Picasso, Derain, Leger, Braque, Brancusi, Modigliani, hanno tratto ispirazione da questi modelli tribali per sviluppare un innovativo linguaggio, che cambierà per sempre la storia dell‟ arte. 1 All’inizio del novecento, quando i manufatti primitivi iniziano ad essere osservati come reperti di grande interesse, Parigi diviene il fulcro d’espansione dei concetti, che donano all’arte africana, il compito d’ avvio nelle avanguardie artistiche .Il Musée Naval del Louvre è fondato nel 1850, all’interno si trovavano molti oggetti inviati dalle compagnie marittime. Essi sono costituiti soprattutto da : armi, attrezzi per l’agricoltura, manufatti di pelle e ceste. Solo 1 U.Fabietti,Elementi di Antropologia Culturale,Milano 2004,pag 284.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Beni culturali

Autore: Samuela Arcangeletti Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 100 click dal 22/09/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.