Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Giovanni Silvagni (1790-1853) pittore romano tra Neoclassicismo e Restaurazione

Il pittore Giovanni Silvagni, che pur aveva esercitato un ruolo non marginale nel panorama artistico romano, non ha avuto un suo biografo ottocentesco ed è stato sostanzialmente ignorato dalla storiografia novecentesca, eccezion fatta per le sporadiche menzioni su dizionari e i brevi accenni in scritti dedicati a chiese di provincia che tuttora conservano le sue opere. Il vaglio dei documenti dell'archivio dell'Accademia di S. Luca ha offerto una testimonianza essenziale per individuare non solo il ruolo dell'artista nell'istituzione e il suo impegno sia nella didattica sia nella tutela dei beni artistici, ma anche la stima che egli godeva come conoscitore della pittura antica.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il pittore Giovanni Silvagni, che pur aveva esercitato un ruolo non marginale nel panorama artistico romano, non ha avuto un suo biografo ottocentesco ed è stato sostanzialmente ignorato dalla storiografia novecentesca, eccezion fatta per le sporadiche menzioni su dizionari e i brevi accenni in scritti dedicati a chiese di provincia che tuttora conservano le sue opere. Le schede biografiche redatte da Sabina Gnisci hanno costituito una prima ricostruzione della vita del pittore basata preva lentemente sulle notizie desunte dagli articoli pubblicati sui periodici romani Il Tiberino e Il Diario di Roma . Durante la mostra organizzata a Milano nel 1992 sono stati esposti due dipinti dell'artista: il Coriolano che parte sbandito da Roma e la Disfi da di Eteocle e Polinice . L'attività professionale di Silvagni ha ritrovato così la sua naturale collocazione tra le opere dei protagonisti del complesso scenario della cultura neoclassica del primo Ottocento italiano. La presente ricerca ha avuto origine da questi significativi presupposti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Concetta Godi Contatta »

Composta da 369 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 123 click dal 10/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.