Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Balcani e la Prima Guerra Mondiale

I Balcani, sotto il profilo geografico, sono un concetto diverso dai Balcani sotto il profilo geopolitico. In geografia pura per Balcani si intende il sistema montuoso dell’Europa meridionale che si sviluppa quasi del tutto in Bulgaria con direzione est-ovest al confine con la Jugoslavia. Dal punto di vista geopolitico, invece, i Balcani comprendono quei paesi che recentemente hanno subito sommovimenti politici e guerre. La Penisola Balcanica comprende infatti gran parte della Jugoslavia, l’Albania, la Grecia, la Turchia europea, la Macedonia e la Bulgaria. In questa tesi si cercherà di mischiare questi due concetti trattando anche la Romania che in realtà è di lingua latina ed è storicamente legata più all’Europa dell’Est. Geograficamente quindi i Balcani si pongono in un crocevia importante e altrettanto delicata. Si trovano alle porte della Russia che, con la sua cultura slava, ha da sempre influenzato alcuni paesi balcanici; si trovano vicino alla Turchia la quale, ai tempi dell’Impero Ottomano, come si sa, ha materialmente occupato parte dei Balcani inculcando la sua cultura e la sua religione. Ma i Balcani si trovano anche alle porte dell’Europa Occidentale e delle sue Grandi Potenze che spesso e volentieri hanno esercitato una forte influenza sulla regione sia direttamente che indirettamente.
Con tutte queste intromissioni dunque i paesi balcanici avrebbero rischiato di perdere la propria identità culturale e storica e di annullarsi. Ma così non è stato. La stessa geografia, con le sue montagne e zone spesso impenetrabili, lo ha impedito.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione. Negli ultimi anni è stato sempre più usato il termine balcanizzazione per descrivere una situazione interna ad un paese. Secondo il Treccani con questo termine si indica la “perturbazione dell’ordine interno di un paese con conseguente indebolimento politico o smembramento artificioso in più stati.” Ma perché viene usato questo termine e da dove ha origine? Questa è stata tra le principali domande che ci hanno spinti a sviluppare questo tema. Va fatta, però, un’importante precisazione. I Balcani, sotto il profilo geografico, sono un concetto diverso dai Balcani sotto il profilo geopolitico. In geografia pura per Balcani si intende il sistema montuoso dell’Europa meridionale che si sviluppa quasi del tutto in Bulgaria con direzione est-ovest al confine con la Jugoslavia. Dal punto di vista geopolitico, invece, i Balcani comprendono quei paesi che recentemente hanno subito sommovimenti politici e guerre. La Penisola Balcanica comprende infatti gran parte della Jugoslavia, l’Albania, la Grecia, la Turchia europea, la Macedonia e la Bulgaria. In questa tesi si cercherà di mischiare questi due concetti trattando anche la Romania che in realtà è di lingua latina ed è storicamente legata più all’Europa dell’Est. Geograficamente quindi i Balcani si pongono in un crocevia importante e altrettanto delicata. Si trovano alle porte della Russia che, con la sua cultura slava, ha da sempre influenzato alcuni paesi balcanici; si trovano vicino alla Turchia la quale, ai tempi dell’Impero Ottomano, come si sa, ha materialmente occupato parte dei Balcani inculcando la sua cultura e la sua religione. Ma i Balcani si trovano anche alle porte dell’Europa Occidentale e delle sue Grandi Potenze che spesso e volentieri hanno esercitato una forte influenza sulla regione sia direttamente che indirettamente. Con tutte queste intromissioni dunque i paesi balcanici avrebbero rischiato di perdere la propria identità culturale e storica e di annullarsi. Ma così non è stato. La stessa geografia, con le sue montagne e zone spesso impenetrabili, lo ha impedito. Per una maggiore semplificazione il periodo storico preso in considerazione per lo sviluppo della tesi inizia con la fine degli anni novante del diciannovesimo secolo e va fino al primo dopoguerra. In questo modo si cercherà di descrivere la metamorfosi che hanno subito i Balcani in un periodo

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Arivist Cupi Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 399 click dal 12/10/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.