Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La rappresentazione delle informazioni socio-ambientali nel Bilancio di Esercizio: il caso Enel SpA

Oggetto di questo elaborato sono le modalità di rappresentazione delle informazioni socio-ambientali delle imprese nel bilancio di esercizio.
In particolare, nella prima parte, vengono approfonditi concetti prettamente teorici, quali il significato di etica, di responsabilità sociale di impresa (CSR), di sostenibilità socio-ambientale.
Successivamente vengono analizzati i vari strumenti di rendicontazione sociale, vengono messi in evidenza quei costi ambientali che andranno inseriti in bilancio (dandone una nozione e classificazione) e vengono approfondite tutte quelle informazioni ambientali contenute nello Stato Patrimoniale, nel Conto economico e nella Nota Integrativa.
Infine viene affrontato un caso reale, quello del Gruppo Enel S.p.A., una azienda considerata leader nell’ambito della gestione orientata alla responsabilità sociale ed ambientale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’economia moderna è caratterizzata da un crescente interesse da parte delle imprese verso i soggetti interessati e che interagiscono quotidianamente con essa, ossia gli stakeholder, con l’obiettivo di coinvolgerli più da vicino nella dinamica aziendale. La globalizzazione dei mercati ha pian piano indotto le imprese a riguardare la propria missione e ad inserire tra gli obiettivi principali, dai quali dipende il vantaggio competitivo che l’azienda può ottenere, le sfide ambientali e la responsabilità sociale in generale. L’impresa moderna non ha solo obiettivi economici ma anche sociali, in quanto essa non è più considerata solo un meccanismo di transazioni di mercato finalizzato alla creazione durevole di valore, in termini di produzione e di distribuzione della ricchezza, come stabilito nel suo fine istituzionale. Essa è vista come un insieme di relazioni tra l’organizzazione e gli individui che sono coinvolti in modo diretto o indiretto nella sua gestione e verso i quali l’azienda deve soddisfare precise aspettative. Si tratta di una nuova filosofia che guarda al Modello degli Stakeholder e che consente all’impresa di crescere in competitività solo se collabora con lo sviluppo sociale ed economico del territorio in cui opera, in quanto l’impresa, se da un lato reagisce agli stimoli che provengono dall’ambiente esterno, dall’altro agisce in modo attivo su di esso, determinandone i cambiamenti e le evoluzioni. Un’impresa che dà importanza agli interlocutori, facendoli diventare soggetti attivi, suggerisce che essi ricevano una remunerazione congrua da parte della stessa, ragione per cui non è più sufficiente prendere visione del bilancio tradizionale in quanto carente delle informazioni che dimostrano il cambiamento sociale, morale ed ambientale realizzato

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Bruno Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 232 click dal 19/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.