Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La privacy fra vetrinizzazione e diritto all'oblio.

Con l'avvento dei media elettrici l'intimità tende a trasformarsi in un nucleo inscritto in una sfera privata che si presenta sempre più disponibile alla visibilità. L'ideale borghese di privacy entra in crisi: si appanna il confine che separa la sfera pubblica da quella privata. Lo schermo televisivo illumina anche le zone d'ombra, mentre la gente comune invade gli spazi pubblici: tutto viene spettacolarizzato,
anche il dolore.
La rivoluzione digitale dilata enormemente la trasparenza sociale. Internet promuove rapporti tra individui assenti e ridimensiona il ruolo dell'interazione faccia a faccia. Il corpo abbandona la sua dimensione organica, si trasforma in una sorta di simulacro virtuale di cui ci avvaliamo per interagire con l'ambiente digitale. Di qui la pulsione alla visibilità, per esorcizzare l'alienazione prodotta dalla scomparsa dei corpi in un mondo ipermediatizzato.
Nella società dell'informazione il concetto di privacy ha subito un processo evolutivo: non si riferisce più soltanto alla tutela della sfera privata, ma si è esteso al diritto al controllo sui dati personali, ovvero al controllo sul modo in cui circolano e vengono utilizzate le informazioni che ci riguardano. Non solo: al diritto a scegliere liberamente le modalità con cui costruire la propria identità, “a non essere semplificati, trasformati in oggetto, valutati fuori dal contesto”.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Formalmente la nascita del concetto moderno di privacy si fa coincidere con il caso Warren-Brandeis. Nel 1890, a Boston, la moglie dell'avvocato Samuel Warren, per la sua attività salottiera, attirò l'attenzione della stampa mondana. Questo infastidì Warren che, insieme all'amico Louis Brandeis, 1 scrisse l'articolo The right to privacy, pubblicato sulla Harvard Law Review. Warren e Brandeis ripresero la formula, già presente nel linguaggio anglosassone ottocentesco, del to be let alone (essere lasciato solo) e invocarono la tutela della sensibilità, dei sentimenti e dei pensieri privati come estensione del diritto di proprietà privata. Spazio interiore e spazio materiale, dunque, alieni dall'intrusione altrui; recinti giuridici da erigersi a difesa della vita privata, così come da tempo erano stati eretti recinti materiali 2 a difesa dei beni dell'individuo. Dunque, possiamo affermare che la privacy abbia origini borghesi: borghesi erano Warren e Brandeis, borghese era l'idea della proprietà privata. Attraverso la rivendicazione del diritto alla riservatezza la borghesia costruiva la propria identità all'interno della società. 1 Louis Brandeis sarebbe poi diventato giudice della Corte suprema degli Stati Uniti. 2 Già dal Seicento si era sviluppato in Inghilterra il fenomeno delle enclosures, chiusure dei fondi.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valentina Sanna Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 242 click dal 19/10/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.