Skip to content

Definizione di curve caratteristiche resistività-contenuto d'acqua di terreni piroclastici dei versanti del Mt. Faito (C/mmare di Stabia, Napoli)

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Ferrante
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: Rosa  Di Maio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

La Regione Campania è una delle regioni d’Italia maggiormente suscettibile all’innesco di fenomeni franosi ed in particolar modo allo sviluppo di colate di detrito, chiamate più comunemente debris flows. Questa instabilità è legata alla particolare tettonica e morfologia del territorio campano, il quale è caratterizzato da rilievi molto ripidi, di natura carbonatica o tufacea, ricoperti da depositi piroclastici cinerei che derivano dalle eruzioni passate del Somma-Vesuvio e dei Campi Flegrei. In concomitanza di eventi pluviometrici di elevata intensità e durata, tali depositi, costituiti da materiale sciolto e poco coesivo, possono raggiungere condizioni di parziale/totale saturazione che favoriscono condizioni di instabilità del pendio e, quindi, l'innesco di movimenti di massa (colate detritiche) lungo il versante. Per tale motivo, questi terreni rappresentano un significativo rischio naturale per le numerose aree urbane ubicate a valle di pendii acclivi.
Il presente lavoro di tesi mira a fornire un contributo nell’ambito della problematica di cui si discute attraverso l’analisi di misure di laboratorio di resistività elettrica su campioni di materiale piroclastico prelevati su un versante suscettibile a fenomeni franosi di tipo debris flow. Si ritiene, infatti, che la definizione dei valori di resistività al variare del contenuto d’acqua, congiuntamente alla conoscenza di parametri geotecnici, possa contribuire alla stima del contenuto d’acqua del versante oggetto di studio previa misura della resistività elettrica in situ (e.g., De Vita et alii, 2012; Di Maio and Piegari, 2012). In particolare, l’obiettivo del presente lavoro di tesi è stato quello di definire le curve caratteristiche resistività-contenuto d’acqua di campioni di materiale piroclastico prelevati in un’area test del Mt. Faito (Castellammare di Stabia, Napoli), appartenente al complesso montuoso dei Monti Lattari, al fine di risalire al livello di saturazione dei diversi orizzonti che costituiscono la coltre piroclastica oggetto di studio.
Inoltre, il confronto di dati fisico-volumetrici degli orizzonti esaminati forniti dalle misure geofisiche con quelli ottenuti da analisi geologico-tecniche pregresse (De Vita, comunicazione personale) su campioni prelevati in un’area prossima all’area di studio, oltre a fornire una validazione delle misure di resistività eseguite, hanno consentito di valutare il grado di saturazione in condizioni naturali di alcuni degli orizzonti esaminati. La bontà del confronto testimonia altresì che l’integrazione di metodi geologico-tecnici e geofisici può fornire informazioni utili per una migliore comprensione della risposta dei terreni piroclastici ad elevati contenuti d’acqua, responsabili della instabilità dei versanti.
Infine, è opportuno evidenziare che i risultati dello studio affrontato in questo lavoro di tesi costituiranno un valido supporto per la definizione della stabilità del versante esaminato, in quanto consentiranno di interpretare, in termini di contenuto d’acqua, i risultati delle tomografie 2D di resistività attualmente in corso di realizzazione sul versante oggetto di indagine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La Regione Campania è una delle regioni d’Italia maggiormente suscettibile all’innesco di fenomeni franosi, ed in particolar modo allo sviluppo di colate di detrito, chiamate più comunemente debris flows. Questa instabilità è legata alla particolare tettonica e morfologia del territorio campano, il quale è caratterizzato da rilievi molto ripidi, di natura carbonatica o tufacea, ricoperti da depositi piroclastici cinerei che derivano dalle eruzioni passate del Somma-Vesuvio e dei Campi Flegrei. In concomitanza di eventi pluviometrici di elevata intensità e durata, tali depositi, costituiti da materiale sciolto e poco coesivo, possono raggiungere condizioni di parziale/totale saturazione che favoriscono condizioni di instabilità del pendio e, quindi, l'innesco di movimenti di massa (colate detritiche) lungo il versante. Per tale motivo, questi terreni rappresentano un significativo rischio naturale per le numerose aree urbane ubicate a valle di pendii acclivi. A titolo di esempio si ricorda l’evento calamitoso che colpì Pizzo d’Alvano (Salerno) il 5 e il 6 maggio del 1998, dove persero la vita ben 160 persone e si registrarono ingenti danni alle infrastrutture. A partire da questo evento, la Comunità Scientifica ha avviato numerosi studi finalizzati alla definizione dei fattori determinanti nei meccanismi di innesco e di evoluzione successiva del corpo di frana e all’individuazione di soglie di allarme basate su dati pluviometrici. Il presente lavoro di tesi mira a fornire un contributo nell’ambito della problematica di cui si discute attraverso l’analisi di misure di laboratorio di resistività elettrica su campioni di materiale piroclastico prelevati su un versante suscettibile a fenomeni franosi di tipo debris flow. Si ritiene, infatti, che la definizione dei valori di resistività al variare del contenuto d’acqua, congiuntamente alla conoscenza di parametri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

resistività
geotecnica
debris flows
monte faito

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi