Skip to content

L’inclusività come proposta per la realizzazione degli obiettivi museali nell’età contemporanea

Informazioni tesi

  Autore: Laura Benedetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Lidia Falomo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Uno degli argomenti più discussi degli ultimi anni riguardo ai musei Italiani è l’inclusività, per la lontananza che si è venuta a creare in molti casi tra i cittadini e la cultura. Questa non deve più essere percepita come una realtà elitaria, misteriosa e inaccessibile e il museo deve operare in un’ottica inclusiva e mettere al centro del proprio operato il visitatore. Aumentando l’impatto sociale dell’operato istituzionale, potrebbero essere condizionate anche le decisioni relative allo stanziamento dei fondi.
I beni culturali di un territorio parlano del territorio stesso, dei suoi abitanti e delle loro tradizioni e per avvicinare le due parti il museo deve rispondere alle esigenze di una società in continuo mutamento, sempre più diversificata ed esigente, tenendo comunque sempre presenti i bisogni fondamentali legati alla propria natura.
Per questo motivo lo studio dell’identità e delle motivazioni dei visitatori ha assunto un ruolo di grande importanza nella progettazione di tutti gli aspetti del museo.
Si moltiplicano quindi le ricerche per porre il design e le tecnologie al servizio delle istituzioni museali, allo scopo di migliorare l’esperienza di visita e di fornire, anche prima e dopo, efficaci supporti, in grado di contribuire alla creazione del significato che l’individuo trarrà dall’esperienza complessiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1. Le problematiche legate alla mancanza di inclusività dei musei in Italia 1a. Crescita e recessione dei musei in Italia Uno degli argomenti più discussi degli ultimi anni è quello che riguarda i musei Italiani. I problemi si acuiscono con la crisi economica del 1992 quando il governo Amato decide di restringere la spesa per contrastare l’emergenza della finanza pubblica. Da quel momento si crea una situazione contraddittoria per i musei che si vedono coinvolti in una fase che può essere vista da un lato come una fase di recessione e dall’altro come una fase di crescita. La crescita è determinata dalla disponibilità di fondi risalenti agli anni ’80 che erano stati usati per l’apertura di nuove sedi e per l’ampliamento di quelle già esistenti. La recessione, invece, deriva dalla crescita stessa poiché l’espansione delle sedi non corrisponde anche a un miglioramento di queste a livello di funzionamento, gestione e attività. (Travagli, 2012) 1b. Da una nuova definizione di museo al dibattito tra sostenitori della tutela e sostenitori della valorizzazione Nel 2007 l’ICOM formula una definizione di museo che mette in evidenza aspetti nuovi. «Il museo è un’istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo, aperta al pubblico, che compie ricerche sulle testimonianze materiali e immateriali dell’umanità e del suo ambiente, le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone, per fini di studio, educazione e diletto.» (ICOM 2007, art.3) Questa definizione di museo pone per la prima volta l’accento sul pubblico dei musei delineando l’istituzione museale come un’organizzazione che si cura di conservare i beni culturali al suo interno ma anche di “servire” il visitatore. L’obiettivo è quello di trovare un equilibrio tra i bisogni del museo e quelli delle persone che lo visitano. Uno dei dibattiti più accesi degli ultimi anni è stato quello che aveva come argomento la contrapposizione tra conservazione e valorizzazione dei beni culturali e vedeva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
musei
beni culturali
patrimonio
museologia
heritage
inclusività
valorizzazione museale
lidia falomo
patrimonio italiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi