Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scrittori-giornalisti e giornalisti-scrittori: l'affermarsi della Terza pagina

L'elaborato analizza l'intenso e continuo rapporto tra due mondi scrittori simili e differenti al tempo stesso, come la scrittura romanzesca e quella giornalistica, interrogandosi sulla possibile versatilità di ogni scrittore nell'interazione di entrambi. Con esempi e casi letterari analizzati, il lavoro cerca di dare una risposta a uno dei dilemmi letterari più irrisolti del XX secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
III Introduzione Selezionare, scrivere, rileggere, valutare, revisionare, correggere: sono solo alcune delle principali attività che accomunano la letteratura e il giornalismo. Le due dimensioni, però, si scontrano con l’insita differenza strutturale del tempo. Il lavorio redazionale è, infatti, dato da un ritmo serrato e incessante, dalla fretta, dalla compressione dello spazio e dall’obbligo dell’attualità; al contrario, il mondo romanzesco e narrativo fa del tempo la propria virtù primaria, creandosi lentamente e donandosi all’eternità. Nonostante tale differenza il rapporto tra le due modalità di scrittura è intenso e affonda le proprie radici nella storia italiana del secolo scorso, tanto da far ammettere a Giuseppe De Robertis che la Terza pagina sia stata, se non un’invenzione, sicuramente una parte preponderante della tradizione culturale del nostro paese 1 . A partire dalla collaborazione di quest’ultimo all’«Espresso» e di quelle, tra i tanti, di Carducci, D’Annunzio e Montale al «Corriere della Sera», sono molti gli esempi di interazione tra queste due attività scrittorie che, seppur differenti, hanno sancito la nascita di un vero e proprio genere letterario, come confermato dal critico e francesista Carlo Bo: Eppure nessun dubbio che la terza pagina abbia segnato un punto altissimo della nostra vita letteraria: dalla terza pagina è nato un genere di letteratura, un modo d’invenzione che a un certo momento 1 E. FALQUI, Giornalismo e letteratura, a cura di G. Getto, Ugo Mursia Editori, Milano 1969 (Civiltà letteraria del Novecento), p. 67.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Di Leo Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 41 click dal 21/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.