Skip to content

Hikikomori: la silenziosa adolescenza

Informazioni tesi

  Autore: Patrizia Leoni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Massimo  Squillaciotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Il tema affrontato in questa tesi è il fenomeno degli Hikikomori (Tamaki Saitō -1998), persone silenziose che prediligono vivere in totale reclusione mettendo fine ai contatti sociali, abbandonando la scuola e rinchiudendosi nella loro stanza per mesi o anni rifiutando qualsiasi contatto umano, alcuni di loro rinunciano alla vita reale per privilegiarne una virtuale, ponendosi così con un atteggiamento di anomia sociale e di rifiuto verso le severe regole morali e sociali.
Nel primo capitolo si introducono l’arte e le tradizioni della cultura giapponese (Casari M. - 2011) .
Nel secondo capitolo si tratta del fenomeno degli Hikikomori, analizzandolo da un punto di vista antropologico e mettendo in risalto i possibili fattori culturali che predispongono all'insorgenza del fenomeno (Ricci C. - 2008). In particolare si illustrano i valori e le tradizioni basati sul rigore, la disciplina, il perfezionismo documentando come siano considerati fattori scatenanti della decisione del giovane di allontanarsi dalla società.
Nel terzo e ultimo capitolo si mostra, attraverso i dati di alcune ricerche, come detto fenomeno si è sviluppato anche nel contesto italiano, seppure non con la stessa impronta nipponica. Si delineano infine le somiglianze e differenze tra Hikikomori italiani e giapponesi (Piotti A. - 2012) .
L'obiettivo del lavoro è quello di fare luce su un fenomeno prettamente giapponese, e di recente anche italiano, che allontana dalla vita reale un numero crescente di ragazzi del quale, ad oggi, non si ha ancora una piena conoscenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’interesse per il fenomeno degli Hikikomori si è sviluppato nella mia vita molti anni fa. Era il periodo delle scuole superiori, un pomeriggio invernale, ero in compagnia di mio fratello e dei nostri comuni amici. Giocavamo a Dungeons & Dragons mentre parlavamo di una delle passioni che ci accomunava, ovvero gli anime e i manga. Avevo già iniziato a fare ricerche sulla cultura giapponese e proprio in quel pomeriggio mio fratello mi suggerì di fare un qualcosa che a quell’epoca per me, era davvero lontanissima: scrivere la tesi di laurea sugli Hikikomori. In questi anni ho letto e mi sono interessata a gli usi e costumi del Giappone e al fenomeno Hikikomori, ho avuto l’occasione di conoscere e frequentare diventando amica di Kaoru, una ragazza giapponese che attualmente vive in Italia con cui ho potuto relazionarmi su questi temi, ed è per questo che ho deciso di trattare l’argomento nel mio lavoro di tesi, avendo la fortuna di incontrare un relatore disponibile e curioso dell’argomento. Nel primo capitolo del presente lavoro, ho introdotto le arti e le tradizioni della cultura giapponese, facendo attenzione a sottolineare il pensiero armonioso che si adotta per l’arte e la sua continua ricerca della bellezza o perfezione, si basa su un concetto di profondità che spazia su nuove consapevolezze interiori, tanto da trarne delle Vie. Approfondisco dunque il concetto della Via, che diviene un vero e proprio stile di vita da conseguire e consolidare, sottolineando gli alti valori spirituali che si associano a questo percorso. Introduco due termini fondamentali che si allacciano alla Via, i quali vanno ad identificare due visioni dell’estetica, come Wabi e Sabi. Se il primo identifica una visione di semplicità imperfetta dell’animo umano, il secondo sottolinea lo scorrere del tempo e dunque il declino. Sempre nell’ambito della Via, affronto il tema della dimenticanza del Sé, ovvero, tutti quei gesti e atti che conducono ad una concentrazione così profonda da farli confluire verso due dimensioni estetiche: la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

hikikomori
ritiro sociale
reclusione sociale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi