Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Papa Francesco: la concezione del Creato e dell'essere umano nell'Enciclica "Laudato Sì"

Il lavoro svolto conduce una disamina della Lettera Enciclica “Laudato sì” di Papa Francesco, documento fondamentale del Magistero della Chiesa che evidenzia i temi riguardanti l’ambiente e la cura del Creato.
Lo scopo di questa Enciclica è quello di far comprendere il significato della cura dell’ambiente: il mondo e le sue creature sono dono di Dio, pertanto è necessario agire per migliorarlo e salvaguardarlo.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO 1 PAPA FRANCESCO 1.1 La vita La famiglia Bergoglio, del comune di Portacomaro, in provincia di Asti, Piemonte, nel gennaio 1929 si trasferisce in Argentina per ricongiungersi con i parenti: in quella terra c’erano già, infatti, i tre fratelli del nonno del futuro Papa, che avevano fatto fortuna in Sudamerica. Alla base del trasferimento c’era l’idea di mantenere unita la famiglia. Mario Bergoglio, padre del futuro Papa, aveva all’epoca ventun anni. Dal suo matrimonio con Regina Sivori nasce il 17 dicembre 1926 Jorge Mario, primo di cinque figli. La famiglia viveva nel quartiere Flores di Buenos Aires. Erano poveri, ma con dignità, e sempre fedeli alla tradizione italiana. Il padre Mario era contabile, e anche l’unico che lavorava in casa. Quando era arrivato in Argentina non gli avevano riconosciuto il titolo di studio, allora aveva trovato lavoro in una fabbrica. Da ragazzo, Jorge amava lo sport, giocava a calcio, e crescendo si sarebbe appassionato anche al tango. Quando finisce la scuola primaria, all’età di tredici anni inizia anche a lavorare in una fabbrica di tessuti. Era una vita faticosa, divisa tra studi e lavoro, ma il Papa avrebbe sempre ringraziato il padre per averlo mandato a lavorare, perché lì avrebbe imparato il bene e il male di ogni attività umana. La vocazione di Jorge Mario fu una chiamata della quale è possibile ricostruire il giorno preciso. Era il 21 settembre, “Giornata dello studente”, il Papa aveva diciassette anni. Avrebbe dovuto festeggiare con i suoi amici, ma invece avvenne un qualcosa di inatteso, che irrompe nella sua vita. Il giovane si recò nella sua parrocchia e decise di confessarsi da un

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Religiose

Autore: Patrizia Maietta Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 117 click dal 24/11/2017.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.