Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crittografia, firma digitale, documento informatico e computer crimes

L’articolo 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997 n.59, la cosiddetta Legge Bassanini, ed i successivi D.P.R. 513/97, D.P.C.M. 8 febbraio 1999 e D.P.R. 445/00, hanno introdotto nel nostro ordinamento giuridico due elementi di assoluta novità, capaci di modificare radicalmente il modo con cui vengono gestiti i rapporti fra privati e Pubblica Amministrazione e fra privati stessi: il riconoscimento della rilevanza e validità del documento informatico ed il riconoscimento giuridico della firma digitale.
Grazie alle leggi suindicate un documento informatico dotato di firma digitale ha lo stesso valore legale di un tradizionale documento cartaceo con sottoscrizione autografa. I settori maggiormente interessati dalla diffusione della firma digitale sono: il già citato rapporto telematico tra Pubbliche Amministrazioni e cittadini, la trasmissione di documenti tramite posta elettronica e ancor di più il commercio elettronico, attualmente poco diffuso, soprattutto in Italia, per la sfiducia che gli utenti hanno, in termini di sicurezza, della rete Internet.
Con il presente lavoro di Tesi si è voluto approfondire la conoscenza di questi due nuovi istituti giuridici.
Considerando che il presupposto tecnologico della firma digitale e del documento informatico è rappresentato dalla crittografia asimmetrica, che è una delle due parti in cui si suddivide la crittografia moderna, nel Capitolo 1, dopo aver introdotto la terminologia e le nozioni fondamentali della crittografia, si è ritenuto opportuno esaminare i principali cifrari del passato, anche perchè molti dei principi da essi adottati sono validi ancora oggi, e conoscerli è il modo migliore per capire la crittografia moderna.
Nel Capitolo 2, dopo aver spiegato le ragioni della nascita della crittografia moderna, sono stati descritti i principali algoritmi simmetrici e asimmetrici analizzando le principali differenze esistenti; sono state descritte le funzioni di hash, che sono le funzioni fondamentali del processo di creazione delle firme digitali. Una riflessione sul conflitto tra riservatezza e sicurezza pubblica delle informazioni telematiche conclude il capitolo.
Il documento informatico è stato, invece, il tema del Capitolo 3. Sono stati definiti i concetti di informazione e di supporto d’informazione, fondamentali nella comprensione dell’evoluzione legislativa che ha portato al riconoscimento del documento informatico come categoria generale, valida cioè per tutto l’ordinamento giuridico. È stato esaminato il concetto di documento in senso giuridico, illustrando perchè una parte della dottrina considerava il documento informatico “documento in senso giuridico”, e soprattutto “documento scritto”, prima ancora dell’entrata in vigore della precitata legge n.59/97; infine è stata descritta brevemente l’evoluzione legislativa del documento informatico.
Tema del Capitolo 4 è la firma digitale, la cui apposizione è fondamentale per il riconoscimento della rilevanza e validità del documento informatico. In questo capitolo è stata esaminata con attenzione la differenza tra la firma digitale e la firma autografa, evidenziando il fatto che la firma digitale non coincide con la scansione della firma autografa, ovvero con la trasformazione in formato digitale (codifica) della firma apposta su un supporto cartaceo. Quindi si è passati a descrivere il modo in cui operano gli algoritmi asimmetrici per generare firme digitali; in seguito si è descritto dettagliatamente il processo che conduce alla creazione della firma digitale affinchè si possa assicurare contemporaneamente l’autenticità (ovvero la certezza sulla provenienza del documento informatico), l’integrità (cioè che il documento non abbia subito modifiche dopo l’apposizione della firma) e il non ripudio (vale a dire che l’autore non può disconoscere ciò che ha firmato) di un documento informatico firmato. Si è esaminata, infine, la normativa italiana (Legge n.59/97; D.P.R. n.513/97; D.P.C.M. 8 febbraio 1999; D.P.R. n.445/00) e comunitaria (Direttiva 1999/93/CE) sulla regolamentazione e l’uso della firma digitale.
Nel Capitolo 5 viene descritto come funziona nella pratica un programma di crittografia, che consente anche di generare una firma digitale. Un programma molto importante nella comunità telematica è il Pretty Good Privacy, più conosciuto con la sigla PGP. Tale programma ha permesso al “grande pubblico” di utilizzare per la prima volta la crittografia “forte” (vista nel par.1.1). Purtroppo il PGP è escluso dal novero dei programmi utilizzabili in un sistema di crittografia basato, come quello italiano, sull’attività di certificazione di un terzo di fiducia. Il capitolo contiene, inoltre, una descrizione dettagliata dell’installazione e dell’uso del PGP.

Mostra/Nascondi contenuto.
Presentazione 9 Presentazione L’articolo 15, comma 2, della legge 15 marzo 1997 n.59, la cosiddetta Legge Bassanini, ed i successivi D.P.R. 513/97, D.P.C.M. 8 febbraio 1999 e D.P.R. 445/00, hanno introdotto nel nostro ordinamento giuridico due elementi di assoluta novità, capaci di modificare radicalmente il modo con cui vengono gestiti i rapporti fra privati e Pubblica Amministrazione e fra privati stessi: il riconoscimento della rilevanza e validità del documento informatico ed il riconoscimento giuridico della firma digitale. Grazie alle leggi suindicate un documento informatico dotato di firma digitale ha lo stesso valore legale di un tradizionale documento cartaceo con sottoscrizione autografa. I settori maggiormente interessati dalla diffusione della firma digitale sono: il già citato rapporto telematico tra Pubbliche Amministrazioni e cittadini, la trasmissione di documenti tramite posta elettronica e ancor di più il commercio elettronico, attualmente poco diffuso, soprattutto in Italia, per la sfiducia che gli utenti hanno, in termini di sicurezza, della rete Internet. Con il presente lavoro di Tesi si è voluto approfondire la conoscenza di questi due nuovi istituti giuridici. Considerando che il presupposto tecnologico della firma digitale e del documento informatico è rappresentato dalla crittografia asimmetrica, che

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Massimiliano Marino Contatta »

Composta da 254 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13248 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.